Grandi manovre attorno a Ferrandelli. Anche Miccichè a sostegno dei "Coraggiosi"? | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'inchiesta della Procura porta all'accelerazione. Ora si scelgono le alleanze

Grandi manovre attorno a Ferrandelli. Anche Miccichè a sostegno dei “Coraggiosi”?

di
18 Gennaio 2017

Ferrandelli in difficoltà, pronto a lasciare, o assolutamente motivato ad andare avanti, dopo aver fatto chiarezza sulla vicenda elettorale del 2012? Dopo la notizia dell’avviso a comparire per voto di scambio politico-mafioso a Fabrizio Ferrandelli, si accelera ancora di più sulla definizione che riguarda l’assetto dei candidati a sindaco di Palermo. Il nodo da sciogliere terrà conto anche dell’evoluzione dell’inchiesta in corso. Il pressing su Ferrandelli dall’esterno non accenna a diminuire. Secondo alcune indiscrezioni, nel centro destra Gianfranco Miccichè avrebbe ripreso l’interlocuzione con l’ex parlamentare regionale del Pd. In particolare ponendo il discorso in termini di contrapposizione netta tra politica e antipolitica. Il leader di Forza Italia, in sostanza, supportato dall’area di centro vicina a Totò Cuffaro e Saverio Romano, vorrebbe superare la questione dei simboli posta da Ferrandelli invitandolo a rivolgere un appello alle forze che recentemente ha definito «della buona politica» contro quella che lui in passato ha etichettato come: «la cattiva politica di Orlando e l’antipolitica dei grillini».

miccihce

Se la confluenza verso il candidato de I Coraggiosi venisse confermata, verrebbe meno a quel punto la candidatura di Francesco Greco, presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo. Ferrandelli dal canto suo vuole però mantenere l’anima laica del suo progetto per Palermo. Non vuole cioè che un’apertura ai simboli vada contro chi in questi anni ha fatto un percorso fuori dai partiti. In ultima analisi il lato”civico” della vicenda rimane fuori discussione. Le tattiche e le strategie sono destinate ad aumentare nelle prossime settimane, ma la caccia ai voti e alle aggregazioni nella corsa alle elezioni amministrative di primavera, passa dalla ricerca del consenso sul campo. Un “porta a porta” da cui non si prescinde nella più difficile delle tornate elettorali. L’assetto più chiaro al momento, a Pd acquisito e senza strappi, rimane quello di Orlando che replicherebbe lo schema di centro sinistra che supporta il governo Crocetta e quello nazionale.

Orlando nel 2012 fece fermare il contatore dei voti al ballottaggio contro Ferrandelli a 158.010 voti, pari al 72,4 per cento, sotto le sigle di Italia dei Valori, poi evaporata, nell’arco di poco tempo, e di Sinistra e gli ecologisti per Palermo. Furono 30 i seggi assegnati. Ferrandelli in quell’occasione si fermò al 27 per cento (63,1%). Al primo turno i suoi voti erano stati 38.498 su 356.412 votanti dei 563.624 elettori. Il 27 per cento dei consensi fu messo insieme, anche dai candidati Marianna Caronia (Amo Palermo, Cantiere popolare- Udeur-Noi Sud 7,19%) Massimo Costa (FI 12,6%) e Alessandro Aricò che coagulò i voti del partito di Raffaele Lombardo attorno al progetto della destra di Futuro e libertà (8,71%) Rimase fuori dalla rappresentanza in consiglio il Movimento 5 stelle che però con Riccardo Nuti aveva ottenuto il 4,9 per cento al primo turno. Fu in quell’occasione che maturò lo scandalo delle firme false, di cui ancora il movimento di Grillo si lecca le ferite. In attesa di conoscere il candidato che uscirà stasera dalla consultazione in rete (Forello o Gelarda) il quadro comincia a prendere forma. Meno statico di prima e più incline al divenire della politica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin