Grandi Opere, Savarino: "Palermo-Agrigento, basta rimpalli" :ilSicilia.it
Agrigento

APPELLO ALL'ANAS E AGLI ORGANI COMPETENTI

Grandi Opere, Savarino: “Palermo-Agrigento, basta rimpalli”

di
16 Luglio 2019

Facciamo eco, ancora una volta, al grido di aiuto dei Sindaci rappresentanti delle comunità interessate dai lavori sulle ss. 640 e 189”. Così dichiara l’onorevole di Diventerà Bellissima, Giusi Savarino, con riguardo ai lavori sulla Palermo – Agrigento.

La presidente della IV commissione all’ARS sottolinea il suo impegno sulla vicenda: “oltre ad aver effettuato da Ottobre ad oggi, almeno un paio di ispezioni sui cantieri, invito con cadenza quasi bimestrale  in Commissione i Vertici di Anas, Cmc, i Sindaci e le imprese creditrici per trovare una soluzione alla annosa e incresciosa questione della Agrigento/ Palermo.

Chi ha responsabilità, – continua l’onorevole – anche solo “in vigilando” come l’Anas, deve assumersi le proprie responsabilità e garantire sia il prosieguo dei lavori sia un controllo serrato nei confronti della CmC, che non può più continuare a prendere in giro i Siciliani. Lo ribadisco anche oggi appellandomi direttamente all’ing. Simonini, amministratore delegato e direttore generale di Anas, che in queste ore sta incontrando il Presidente Musumeci. Il governo Musumeci, se autorizzato, è disposto ad anticipare i crediti in favore delle nostre aziende siciliane  ma l’Anas deve garantire lo sblocco dei cantieri e la realizzazione delle opere!“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.