Grasso attacca il ministro Provenzano: "Fondi Ue scippati alla Sicilia? Inaccettabile" :ilSicilia.it

L'AFFONDO

Grasso attacca il ministro Provenzano: “Fondi Ue scippati alla Sicilia? Inaccettabile”

1 Aprile 2020

«Che la proposta del ministro Provenzano di scippare alla Sicilia i fondi europei per lo sviluppo sia inaccettabile lo ripetiamo da giorni. Fa piacere che se ne rendano conto anche gli esponenti dei partiti che compongono la maggioranza di governo a Roma». Lo dichiara Bernardette Grasso, deputato Ars di Forza Italia e assessore alla Funzione pubblica della Regione Siciliana, dopo le parole del deputato pentastellato Luigi Sunseri secondo cui l’intento del ministro per il Sud Giuseppe Provenzano è “irricevibile“.

Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud
Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud

«I fondi strutturali – prosegue l’assessore – nascono con un preciso vincolo di territorialità, volto a sostenere lo sforzo di aree come il Mezzogiorno d’Italia e la Sicilia nel raggiungere analogo livello di sviluppo delle zone più avanzate del continente. Dirottarli nel pieno dell’emergenza coronavirus con generiche rassicurazioni, significherebbe ribaltarne il significato e il senso stesso della loro istituzione. Lo stesso vale per i fondi ministeriali come i Pon, la cui ragione d’esistere sta nell’essere devoluti agli investimenti per il Sud e la Sicilia, e anzi a maggior ragione in questa fase teniamo alta la guardia sulla loro effettiva destinazione», conclude Grasso.

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus: “Il Governo vuole scippare al Sud i fondi Ue, inaccettabile”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.