Gratta, vinci e ruba. Colpo sfortunato a Pachino :ilSicilia.it
Siracusa

Si chiama Corrado Busà e ha 31 anni

Gratta, vinci e ruba. Colpo sfortunato a Pachino

di
21 Dicembre 2016

Siamo a Pachino, un uomo di 31 anni ha tentato di riscuotere la vincita al Gratta e vinci in tabaccheria soltanto che i biglietti fortunati erano stati rubati. Da lui.

2016122102559012715p

Si chiama Corrado Busà l’uomo che in compagnia di due complici ha rapinato 4mila euro di Gratta e vinci in una tabaccheria di piazza Vittorio Emanuele a Pachino (Siracusa) ieri mattina per poi andare, oggi, in un’altra tabaccheria, a Rosolini, per tentare di riscuotere la vincita di 110 euro. Non sapeva che dal momento della rapina la polizia effettuava continui controlli sugli esercizi commerciali della zona ed è stato fermato. Secondo una ricostruzione degli investigatori ha fatto irruzione a volto coperto e armato di un fucile a canne mozze. Dopo avere minacciato il titolare, si è fatto consegnare 13 mila euro in contanti e biglietti di Gratta e vinci per un valore di 4 mila euro. E’ poi scappato finché non è stato posto in stato di fermo dalle forze dell’ordine mentre tentava di farsi pagare la vincita dall’altro tabaccaio, a Rosolini. Indagini sono in corso per identificare i complici.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin