Graviano show, urla al processo: "L'agenda rossa di Borsellino? La verità è nei cassetti in Procura" :ilSicilia.it
Palermo

il boss perde la testa e urla al processo

Graviano show, urla al processo: “L’agenda rossa di Borsellino? La verità è nei cassetti in Procura”

di
21 Febbraio 2020

“Ancora che cercate l’agenda rossa e gli autori dell’omicidio Agostino? Aprite i cassetti in Procura che sono chiusi da quasi 40 anni…”. Lo ha detto il boss mafioso Giuseppe Graviano rispondendo a muso duro all’avvocato Antonio Ingroia durante l’esame del processo sulla ‘ndrangheta stragista, oggi a Reggio Calabria.

È Graviano show in Aula. Il boss di Brancaccio perde la testa e si scaglia contro l’ex pm Ingroia e i suoi colleghi, urlando talmente tanto da costringere la presidente della Corte a calmare gli animi.

9 - Giuseppe Graviano, Gaspare Spatuzza
Frame: Canale 9

“Dell’agenda rossa di Borsellino parlerò solo quando avrò letto tutte le intercettazioni che mi riguardano. Fino ad allora non dirò niente”, ha ribadito il boss, che poi è tornato ad accusare il pentito Gaspare Spatuzza che ha permesso – con le sue rivelazioni – di smascherare il falso pentito Scarantino e il depistaggio sulla strage di via D’Amelio.

Spatuzza ha scagionato alcuni colpevoli della strage di Via D’Amelio solo per convenienza, dice Graviano.”Aspetti le domande che mi farà su Spatuzza il mio avvocato, è inutile che mi fate parlare delle stesse cose…”, riporta l’Adnkronos.

“QUALCHE GIUDICE MORTO FATTO EROE PER SBAGLIO”

“C’è qualche giudice di Palermo che è stato fatto eroe, anche se è un vostro collega mi spiace dirlo, ma sapete che la storia ci insegna che a volte le medaglie al valore vengono anche tolte…”. Parole durissime, quelle pronunciate dal boss mafioso.

falconeIl capomafia di Brancaccio parla della morte del padre, Michele Graviano, avvenuta nel 1982 in pieno periodo di guerra di mafia a Palermo. E sostiene che le carte sono rimaste “nei cassetti” per “38 anni”. “Quindi, siccome lì c’è tutto, si troverà perché ci sono i muri di gomma”. E rivolto ancora a Ingroia: “Avvocà, non mi faccia più parlare. Basta sono stanco…”. A chi si riferisce il boss quando parla di un giudice che non avrebbe reso onore alla toga? Secondo l’avvocato Ingroia, il riferimento sarebbe a Giovanni Falcone. Perché secondo Graviano il giudice ucciso a Capaci avrebbe coperto il pentito Totuccio Contorno.

E poi Graviano aggiunge: “Avete avuto in Procura qualche magistrato responsabile. Là troverete tutto, sul motivo perché in questi 38 anni non qualche procuratore non ha esercitato la professione con tutti i crismi. E’ una vergogna. Non continuate a fare domande a me. Io risponderò solo dopo che avrò le risposte. Prima voglio i responsabili della morte di mio padre”.

“VOGLIO LA VERITÀ SULLA MORTE DI MIO PADRE”

Berlusconi è stato uno dei mandanti delle stragi mafiose?”, chiede l’avvocato Antonio Ingroia. Non parlo, prima voglio la verità sulla morte di mio padre. Il processo di mio papà per quasi 38 anni ha soggiornato in un cassetto, dal 1982 al 2019. È sufficiente aprire quel cassetto…”.

“Il dottor Lombardo (procuratore aggiunto di Reggio, ndr) mi ha detto che farà accertamenti – ha aggiunto Graviano – bisogna prendere quel processo e scrivere la verità come sono andati i fatti. Non sta bene che la sentenza si ferma a Gaetano Grado, c ‘è qualche magistrato che non ha fatto bene il suo lavoro… In procura troverete tutto; se in questi 38 anni qualche procuratore non ha esercitato la professione con tutti i crismi. Non continuate a fare domande a me, io risponderò solo dopo che avrò le risposte”.

“MAI CONOSCIUTO DELL’UTRI”

Poi, il boss Giuseppe Graviano, ha confermato quanto dette nelle scorse udienze al pm Giuseppe Lombardo, cioè di “avere incontrato per tre volte Silvio Berlusconi”.

9 - Giuseppe Graviano, Marcello Dell'Utri
Frame: Canale 9

Ma quando l’avvocato Antonio Ingroia gli chiede “se in uno dei tre incontri” con l’ex premier fosse presente l’ex senatore Marcello Dell’Utri, che ha scontato una pena per concorso esterno in associazione mafiosa, Graviano replica secco: “Ma se le ho detto che non l’ho mai conosciuto... Se ci fosse stato anche lui glielo avrei detto”.. E Ingroia: “Le ho fatto questa domanda perché in una intercettazione del giugno 2016 parlando con Umberto Adinolfi in carcere parlava di Dell’Utri. Che si sarebbe dovuto fare un esame di coscienza insieme con Berlusconi”. E Graviano spiega: “Io questa intercettazione non me la ritrovo ma le rispondo. Dissi che Berlusconi si doveva fare un esame di coscienza perché aveva approvato delle leggi che mi facevano restare in carcere”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, Graviano shock: “Mentre ero latitante incontrai Berlusconi tre volte”

Mafia, Graviano ora è un fiume in piena: “Voglio ricordare a Berlusconi il suo debito”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin