Gravina: “La Lega di B è andata oltre le sue competenze” | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Mondo del calcio nel caos dopo gli atti illeciti ed illegali della scorsa stagione ... si prosegue

Gravina: “La Lega di B è andata oltre le sue competenze”

di
14 Maggio 2019

Parla Gabriele Gravina. Il presidente della Figc, intervenuto al forum del Corriere dello Sport dal titolo ‘Il calcio che vogliamo’, parla della decisione presa dal Consiglio direttivo della Lega Serie B dopo la sentenza del TFN sul caso Palermo.

E sul piano del merito Gravina sottolinea: “Dare seguito alla sentenza, che è esecutiva, e proseguire con i playoff è nelle prerogative della Lega di Serie B. Una riflessione più approfondita dobbiamo farla sui playout”.

In merito allo spareggio salvezza (che secondo quanto deciso dalla Serie B ora non si giocherebbe più ottenendo così il risultato di salvare il  Venezia) afferma: “Mi sembra che il Consiglio direttivo della Serie B non abbia competenza in materia. Per cui sarà questo motivo di approfondimento al prossimo consiglio federale”.

Il massimo organismo di governo del calcio si riunirà giovedì. La riunione era già convocata, ma entrerà anche nel merito degli ultimi fatti.

Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente della Federcalcio Gabriele Gravina a margine del forum al “Corriere dello Sport” .

Vorremi ricordare al Presidente Gravina altre gravi irregolaratà sulle quali non è anora stata presa la giusta decisione di radiare quete tre squadre  ed iniziamo ricordando.cosa ha scritto IL MATTINO

“Quando Ciano ha realizzato la rete del 2-0, al 51′, il pubblico ha invaso festante il terreno di gioco ma La Penna non aveva ancora decretato la fine. Il presidente della Palermo, Giovanni Giammarva, ha annunciato che la società ha presentato riserva scritta contro l’omologazione del risultato, anticamera del ricorso.”

Aggiungiamp noi che eravamo presenti allo stadio ed in diversi non abbiamo tolto lo sguardo su quello che faceva l’aritro che non ha mai fischiato la fine della partita.

Omettendo di certificare poi tutto questo e certificando cose che non corrispondono a quanto successo in campo e lasciamo alla vostra intelligenza trarne le conclusioni doveva essere 0-3 a tavolino e Palermo in serie A. Vuole rimettere a psoto le cose e retituire al Palermo la serie A ?

Invece cosa è successo ? Squadra in A, buffetto sulle guance , arbitro anzichè radiato visto che le immagino parlano da sole al contrario promosso in A

La Rai ha commentato :

“Se il Parma dovesse essere retrocesso, poiché il Frosinone è stato promosso in A nei playoff, potrebbe essere ripescato il Palermo, che oggi è intervenuto in udienza subito dopo la procura federale.

Nel pomeriggio lo stesso tribunale deciderà sulla possibile retrocessione dalla Serie A del Chievo, accusato di scambi di giocatori con il Cesena con plusvalenze fittizie. Rosanero anche qui alla finestra, insieme al Crotone che spera di tornare in massima serie.”

Domanda, ma il Palermo deve davvero subire la vergogna di essere giudicato da chi ha disatteso le più elementai regole delle leggi arrivando come ieri addirittura , come sottolineato da Gravina,  a modificarle ancora una volta (caso Parma vi ricorda niente ? illecito sportivo diventato poi una puntata speciale  di Scherzi a parte) a proprio uso e consumo ?

Che ne dice Presidente è il caso di punire e non premiare chi compie un illecito sportivo e se aveste fatto indagini accurate sarebbero arrivate le conferme che c’è stao molto probabilmente il concorso anche di molti altri giovcatori oltre Calajò e Ceravolo non tutti come dimostrebbero le botte scambiate fra innocenti e colpevoli riferite da presenti che ovviamente vogliono mantenere l’anonimato )

Da persone di giustizia non possiamo non  auguriarci che invece giudici onesti presto certificheranno che il Palermo deve giocare i playoff pregandola caro Presidente di non dimenticare di fare chiarezza anche sul caso Chievo dove si sono dimenticati guarda caso si ascoltare Campedelli e creando così una irregolarità nel procedimento giuridico e ci piacrebbe sapere da chi l’ha fatta a favore di chi e perchè?.

Anche in questo caso spetta un’ulteriore bonus promozione in Serie A per il Palermo

In tutti e tre casi le prove e le irregolarità erano tante e palesi ma il Palermo ancora aspetta dopo mesi e mesi che gli venga riconosciuta la liceità di giocare in serie A al posto loro non una ma tutte e 3 già dallo scorso anno …mentre in un quarto d’ora su di un bilancio che Il Tribunale  alla sezione fallimentare e poi anche la Cassazione hanno dichiarato ufficialmente e definitivamente  che non si sono motivi di fallimento essendo in pratica conti ed operazioni a posto , con fantasie giuridiche lo hanno mandato in serie C addirittura.

Ed in tutto questo Zamparini non lo hanno potuto radiare come avrebbero desiderato e ne è uscito pulito

Ma vogliamo credere che la giustizia trionfi come è successo nella giustizia ordinaria che verificando i conti con tre saggi venuti da fuori e con tre giudici che insieme hanno deciso l’insussistenza delle richieste dei PM e la regolarità dei nilanci del Palermo che hanno trovato il sigillo ufficiale su questo nel ricorso proposto dai PM in cassazione che ha premiato nuovamente la società rosanero.

Giovedì contiamo di essere presenti anche a noi alla conclusione del consiglio federale  a Roma mentre domani alle 9:45 è prevista a Palermo la conferenza stampa dei giocatori rosanero che vorranno dire la loro su questa ancora una volta oscura vicenda.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin