Green pass, Tancredi contro l'obbligo all'Ars: "Non lo esibirò" :ilSicilia.it

le parole del deputato regionale

Green pass, Tancredi contro l’obbligo all’Ars: “Non lo esibirò”

di
14 Ottobre 2021

Alla vigilia dell’obbligo del green pass in tutti i luoghi di lavoro, un parlamentare siciliano si mostra determinato a entrare in aula senza il certificato verde. “Per entrare in Assemblea a svolgere la mia funzione di deputato, attività costituzionalmente garantita, non ho nessuna intenzione di esibirlo“, ha detto all’AGI il deputato regionale ex Cinque Stelle e ora Sicilia Attiva Sergio Tancredi, che ha organizzato proprio a Palazzo dei Normanni un convegno il cui titolo non ha bisogno di ulteriori spiegazioni: “Dalla democrazia alla dittatura”.

L’appuntamento si terrà il prossimo 29 ottobre, e prevede la partecipazione, tra gli altri, del professore di Economia dell’università di Palermo Gandolfo Dominici e del professore dell’università di Messina e ordinario di Storia delle dottrine Politiche a Messina, Dario Caroniti, e ha sollevato polemiche per il “saluto” che vi porterà l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla. “Sinceramente – ha precisato quest’ultimo – non comprendo l’enfasi mediatica che si è voluta attribuire ad un mio doveroso atto di cortesia istituzionale. Sul piano personale, è ben nota la mia convinta posizione in favore delle politiche vaccinali e dell’uso del green pass” ma “a nessuno può essere impedito di esprimere civilmente le proprie opinioni, soprattutto se diverse ed espresse, come nel caso in ispecie, nei luoghi deputati alla libertà del pensiero e al confronto democratico, quali certamente sono i palazzi della politica e le istituzioni educative“.

Attualmente il dibattito è focalizzato “in una unica direzione – avverte, dal canto suo, Tancredi – e forse fare il punto con esponenti che hanno vissuto la pagina più nera della storia moderna può esser utile perché in questo momento stiamo vivendo una deriva totalmente opposta da quella di un Paese democratico“.

Intanto, però, anche all’Ars da domani si entrerà solo con il certificato verde, come prevede una circolare interna, redatta dagli uffici di Palazzo dei Normanni, che disciplina l’accesso a Palazzo Reale. L’obbligo varrà per chiunque, dai dipendenti ai deputati regionali, e anche per i relatori conferma all’AGI il segretario generale dell’Ars Fabrizio Scimè e “la sua mancata esibizione equivale al mancato possesso“.

E’ un punto cruciale, perché se è vero che tutti i partecipanti al convegno esibiranno il certificato, assicura Tancredi, lo stesso non intende fare per l’accesso all’attività parlamentare: “Se per la data del convegno la misura sarà ancora in vigore, cosa di cui dubito, esibirò il green pass solo perché in quel caso sarà in veste di relatore. Il nodo è giuridico – ribadisce – sono per il rispetto assoluto della legge ma sono fermamente convinto che il decreto nazionale leda alcuni diritti costituzionalmente garantiti e utilizzerò la mia posizione privilegiata per sollevare una questione di carattere giuridico assai delicata“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin