Gruppo Caronte&Tourist: si riaprono i battenti su "Onde Sonore" :ilSicilia.it

in occasione della festività natalizie

Gruppo Caronte&Tourist: si riaprono i battenti su “Onde Sonore”

di
13 Dicembre 2018

Si riaprono i battenti su “Onde Sonore” la manifestazione musicale organizzata dal Gruppo Caronte&Tourist in occasione della festività natalizie.

Quest’ anno le luci dei riflettori illumineranno il palco allestito a bordo della nuova ammiraglia della flotta: “Elio”, la prima nave ecologica a navigare nel Mediterraneo.

Ricchissimo il programma di questa edizione che ha come direttore artistico Max Garrubba, tra i più noti bluesmen del panorama musicale nazionale. Quest’anno le serate avranno un tema che farà da collante emozionale all’esibizione dei gruppi. Si comincia domani a partire dalle 17,20 con “Mamma li Turchi”.  Sul palco della “Elio” in navigazione tra le due sponde dello Stretto, ci saranno il “Trio Nawal & Antonio Andaloro”, “Emmeles Trio” e infine “Mattanza”, tutte e tre formazioni molto quotate nel panorama della musica italiana d’autore.

Gli incassi dei concerti e delle feste saranno devoluti in beneficenza all’associazione “Liberi dalla Meningite”. Sponsor etico della manifestazione anche quest’anno “Posto Occupato”, iniziativa di sostegno e sensibilizzazione all’emergenza della violenza di genere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.