Guardia di finanza: concorso per l'ammissione di 66 allievi ufficiali CLICCA PER IL BANDO :ilSicilia.it

pubblicato sulla gazetta

Guardia di finanza: concorso per l’ammissione di 66 allievi ufficiali CLICCA PER IL BANDO

di
17 Gennaio 2022

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’ammissione di sessantasei allievi ufficiali del ruolo normale – comparti ordinario e aeronavale all’Accademia della Guardia di finanza, per l’anno accademico 2022/2023.

 

Requisiti di partecipazione

Possono partecipare al concorso i cittadini italiani che:
a) godano dei diritti civili e politici;
b) non siano stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare ovvero prosciolti, d’autorita’ o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate e di polizia, a esclusione dei proscioglimenti, se concorrenti per:
1) il comparto ordinario, per inattitudine alla vita di bordo o al volo;
2) il comparto aeronavale:
(a) specializzazione pilota militare, per inattitudine alla vita di bordo;
(b) specializzazione comandante di stazione e unita’ navale, per inattitudine al volo;
c) non siano imputati, non siano stati condannati ne’ abbiano ottenuto l’applicazione della pena ai sensi dell’art. 444 codice di procedura penale per delitti non colposi, ne’ siano o siano stati sottoposti a misure di prevenzione;
d) non siano stati dimessi, per motivi disciplinari o per inattitudine alla vita militare, da accademie, scuole, istituti di formazione delle Forze armate e di polizia;
e) non siano stati rinviati o espulsi da corsi di formazione dell’Accademia del Corpo della guardia di finanza;
f) siano in possesso dei requisiti di cui all’art. 26 della legge 1 febbraio 1989, n. 53. A tal fine, il Corpo della guardia di finanza accerta, d’ufficio, l’irreprensibilita’ del comportamento del candidato in rapporto alle funzioni proprie del grado da rivestire. Sono causa di esclusione dall’arruolamento anche l’esito positivo agli accertamenti diagnostici, la guida in stato di ebbrezza costituente reato, l’uso o la detenzione di sostanze stupefacenti o psicotrope a scopo non terapeutico, anche se saltuari, occasionali o risalenti;
g) non si trovino, alla data dell’effettivo incorporamento, in situazioni comunque incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di ufficiale del Corpo della guardia di finanza;
h) siano in possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione a corsi di laurea previsti dalle Universita’ statali o legalmente riconosciute. Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma alla data di scadenza per la presentazione delle domande, lo conseguano nell’anno scolastico 2020/2021.

Oltre ai requisiti di cui al precedente comma 1, i candidati devono:
a) se non appartenenti al Corpo, anche se gia’ alle armi:
1) avere, alla data del 1° gennaio 2022, compiuto il diciassettesimo anno di eta’ e non superato il giorno del compimento del ventiduesimo anno di eta’, vale a dire essere nati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2000 e il 1° gennaio 2005, estremi inclusi;
2) avere, se minorenni alla data di presentazione della domanda, il consenso dei genitori o del genitore esercente in via esclusiva la potesta’ o del tutore per contrarre l’arruolamento volontario nella Guardia di finanza;
3) non essere stati ammessi a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienza, ovvero avere rinunciato a tale status, ai sensi dell’art. 636, comma 3, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66; b) se appartenenti ai ruoli ispettori, sovrintendenti, appuntati e finanzieri, compresi gli allievi marescialli e gli allievi finanzieri del Corpo:
1) non avere, alla data del 1° gennaio 2021, superato il giorno del compimento del ventottesimo anno di eta’, ossia essere nati in data non antecedente al 1° gennaio 1993;
2) se in servizio permanente, non essere stati dichiarati non idonei all’avanzamento ovvero, se dichiarati non idonei all’avanzamento, avere successivamente conseguito un giudizio di idoneita’ e siano trascorsi almeno cinque anni dalla dichiarazione di non idoneita’, ovvero non avere rinunciato all’avanzamento nell’ultimo quinquennio;
3) non avere riportato, nell’ultimo biennio, sanzioni disciplinari piu’ gravi della consegna;
4) non essere sottoposti a un procedimento disciplinare di corpo da cui possa derivare l’irrogazione di una sanzione piu’ grave della consegna, a un procedimento disciplinare di stato o a un procedimento disciplinare ai sensi dell’art. 17 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale;
5) non essere sospesi dall’impiego o non essere in aspettativa.

I requisiti di cui ai commi 1 e 2, se non diversamente indicato, devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo previsto per la presentazione della domanda e alla data dell’incorporamento, pena l’esclusione dal concorso.
Non si applicano gli aumenti dei limiti di eta’ previsti per l’ammissione ai pubblici impieghi.

Svolgimento delle prove

Lo svolgimento del concorso comprende:
a) prova scritta di preselezione consistente in questionario a risposta multipla di cultura generale; (inizio prove 2 marzo)
b) prova scritta di cultura generale; (24 marzo)
c) prove di efficienza fisica;
d) accertamento dell’idoneita’ psico-fisica;
e) accertamento dell’idoneita’ attitudinale;
f) prove orali;
g) prove facoltative di una lingua straniera e di informatica;
h) valutazione dei titoli;
i) visita medica di controllo e accertamento dell’idoneita’ al pilotaggio per i concorrenti per la specializzazione «pilota militare»

La domanda

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale attivo all’indirizzo «https://concorsi.gdf.gov.it», seguendo le istruzioni del sistema automatizzato, entro le ore 12,00 del trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

CLICCA QUI PER SCOPRIRE IL BANDO COMPLETO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.