Guerra alla plastica: chiude la fabbrica storica "Dacca" di Catania, persi 100 posti lavoro :ilSicilia.it
Catania

Licenziamenti a tappeto

Guerra alla plastica: chiude la fabbrica storica “Dacca” di Catania, persi 100 posti

6 Giugno 2019

La guerra alla plastica produce la prima “vittima” in Sicilia: la Dacca, storica azienda di Via Allegracuore, 6 ad Aci Catena (CT), chiude i battenti.

Ad annunciarlo i sindacati: “Purtroppo non possiamo fare altro che constatare la triste realtà: la Dacca S.p.A., una delle fabbriche storiche del territorio catanese, chiuderà i battenti e i suoi 100 dipendenti rimarranno senza lavoro”. Così Antonio Santonocito, segretario regionale Snalv Confsal dopo la riunione di oggi pomeriggio con l’azienda che conferma la fine della produzione nel sito di posate, piatti e bicchieri di plastica monouso.

“L’azienda – aggiunge il sindacalista – ha tutto pronto per portare i libri contabili in Tribunale e chiudere la partita. Una scelta assurda che lascia a casa tanti lavoratori e che, se non evitata, poteva essere almeno rimandata. La nostra proposta di cassa integrazione straordinaria prevista nel decreto Genova è stata accolta dal ministero dello Sviluppo economico fino al 31 dicembre, con la promessa aziendale di riconversione della produzioneCosì non è andata – conclude Santonocito – e adesso ci tocca raccogliere i cocci con una sgradevole sensazione di amaro in bocca”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.