26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Messina

Dal 22 dicembre

Gusti e tradizioni: a Castelmola i “Sapori del borgo”

17 Dicembre 2018

L’incantevole borgo turistico di Castelmola si prepara alle festività di Natale e quest’anno, oltre alla tradizionale attrattiva del “Presepe vivente recitato”, dal 22 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 la cittadina ionica sarà sede di un evento inedito.

“Castelmola, i sapori del borgo” è infatti il titolo e tema di un’iniziativa – organizzata da Centomedia & Lode, Comune di Castelmola e Regione Siciliana (attraverso l’Assessorato Attività produttive, nell’ambito del piano promozionale 2018 per le imprese siciliane) che vedrà protagoniste diverse aziende siciliane, provenienti non soltanto dal territorio ionico ma anche da altri centri delle province di Messina, Catania e Ragusa.

castelmola18Il gusto nuovo di antiche tradizioni in uno dei borghi più belli d’Italia sarà l’interessante leit-motiv di una manifestazione caratterizzata dal coinvolgimento delle attività economiche legate al settore artigianato, agroalimentare, zootecnico e biologico.

Nell’occasione saranno impegnate oltre 10 aziende che proporranno la degustazione dei prodotti tipici arricchendo così le giornate del “Presepe vivente”, nel periodo compreso tra Natale e l’Epifania. Saranno allestiti lungo le vie del Borgo e nelle piazze principali punti di degustazione (frittelle, crespelle, dolci tipici, pane condito, miele, formaggi e vino locale etc). Spazio anche alle tipicità come il vino alla mandorla e le mandorle tostate ricoperte da una glassa di zucchero, i formaggi, ricotta e miele rigorosamente da frutto del lavoro delle attività esistenti sul territorio.

castelmola18Al centro di queste festività a Castelmola, dunque, la valorizzazione delle tradizioni locali e dei prodotti tipici, dando spazio alle eccellenze dell’enogastronomia, abbinata alle qualità delle risorse ambientali, agli itinerari naturalistici e culturali del borgo castelmolese, che si trova a pochi km alla capitale del turismo siciliano, Taormina.

“I sapori del borgo” saranno l’addizione perfetta del Natale a Castelmola, nel quale uno dei borghi più belli d’Italia si trasformerà idealmente in una piccola Betlemme di 2 mila anni fa, grazie alla XVII edizione del “Presepe vivente recitato”. Strade, vicoli e piazza faranno rivivere la magia del Natale, animate da figuranti e attori che, tra la piazza principale e le vie del presepe, daranno vita ad un classico delle feste con una sapiente scenografia e la recitazione del presepe a cura della comunità e dai volontari del borgo.

Il magico connubio tra il Prese vivente ed “I Sapori del Borgo” attendono i visitatori per affascinarli all’insegna delle tradizioni e dell’imperdibile opportunità di conoscere e degustare le specialità del territorio nel cuore di Castelmola.

 

LEGGI ANCHE:

Ritorna a Castelmola il “Presepe vivente recitato” | Fotogallery

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.