Ha parlato male della Rackete, i pm indagano Salvini. E la Trenta rivela: "L'ho combattuto" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

comincia la rappresaglia contro l'ex ministro dell'Interno

Ha parlato male della Rackete, i pm indagano Salvini. E la Trenta rivela: “L’ho combattuto”

di
6 Settembre 2019

Neanche il tempo di far nascere il nuovo governo che l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini viene investito da una pioggia di contestazioni, che – c’è da scommettere – aumenteranno da qui al prossimo futuro. Fra queste, una non indifferente è quella relativa alla gestione degli sbarchi di immigrati quando era ministro dell’Interno.

Che il cambio di passo c’è stato o è nell’aria lo si vede poi dal numero di Ong presenti con imbarcazioni nel Mediterraneo, che negli ultimi giorni si è moltiplicato.

E come se non bastasse, l’ex ministro è indagato per diffamazione dopo la denuncia presentata a luglio da Carola Rackete comandante della Sea Watch3. Nelle scorse settimane, in base a quanto si apprende, la Procura di Roma ha proceduto all’iscrizione di Salvini e ha inviato gli atti a Milano, dove il leader della Lega ha la sua residenza, per competenza territoriale.

Rackete ha chiesto anche ai magistrati il sequestro preventivo dei profili social attraverso cui “risultano pubblicati e diffusi i contenuti diffamatori e istigatori con specifico riferimento alle pagine Facebook e Twitter dell’account ufficiale di Matteo Salvini”.

I pm milanesi stanno “valutando” gli atti. L’indagine è affidata al pm Giancarla Serafini. Non è ancora stato deciso se ascoltare a verbale l’ex ministro. Nella denuncia la capitana, rappresentata dall’avvocato Alessandro Gamberini, aveva spiegato che le esternazioni di Salvini sul caso Sea Watch, “sono state aggressioni gratuite e diffamatorie alla mia persona con toni minacciosi diretti e indiretti”.

Secca la replica di Salvini: “Queste sono medaglie per me”. 

Rivelazioni della Trenta: “Non meritavo l’esclusione. Ho lottato più di tutti contro Salvini

Chi non le manda a dire è poi l’ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta, sostituita dal Pd Lorenzo Guerini: “Sapevo che non mi avrebbero lasciata al ministero, ma non sono contenta, non meritavo tutto questo”. 
“Sono stata una delle persone che ha lottato più di tutti contro Salvini”, afferma candidamente Trenta, che aggiunge: “Voglio stare zitta perché in questo momento potrei dire di tutto e contro tutti”. “Non so se Luigi Di Maio mi abbia difeso, queste cose vanno valutate a freddo e non a caldo. Adesso ho mille pensieri contrastanti. E tanta rabbia. Ma voglio fare io una domanda: il ministero della Difesa è un ministero importante, il Viminale è un ministero altrettanto importante. È opportuno che ci siano due correnti politiche in entrambi i dicasteri? Siamo sicuri che i tecnici siano abbastanza tecnici? Il mio successore – spiega – è del Pd. Quindi devo pensare che Lamorgese lo sia. Non so cosa dire. Anzi, non mi va più di parlare. Ho da fare”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.