"Hanno fatto bene ad ammazzare Don Pino Puglisi", minacce shock a Brancaccio :ilSicilia.it
Palermo

Lo sfogo di Maurizio Artale su Fb

“Hanno fatto bene ad ammazzare Don Pino Puglisi”, minacce shock a Brancaccio

8 Ottobre 2018

“Hanno fatto bene ad ammazzare u parrinu”. Così un uomo si è rivolto a Maurizio Artale, presidente del centro “Padre Nostro” fondato da don Pino Puglisi assassinato dalla mafia, durante una accesa discussione per strada, davanti alla Casa museo del beato, visitata poche settimane fa da Papa Francesco. A riferire i contenuti dell’animato diverbio, al quale hanno assistito alcuni giovani volontari del centro di Brancaccio, a Palermo, è lo stesso Maurizio Artale in un lungo post su Facebook.

Maurizio Artale
Maurizio Artale

Un “energumeno“, come lo definisce Artale, uscendo dal portone della propria abitazione, proprio vicino alla Casa museo, si è scagliato contro il presidente del Centro, sostenendo che da quando c’è lui nella piazza non c’è più pace e che per colpa sua non può più posteggiare la moto sotto il balcone perché la sosta è vietata, prima non lo era.

“Gli chiedo se non fosse contento della visita del Papa in quel luogo e di affacciarsi al balcone e vedere la piazza sgombra di auto, risistemata, pulita e con le aiuole fiorite – racconta Artale – Capita che lui mi risponda che non gliene fotte niente del Papa e che io gli avevo tolto ‘l’identità’ facendo persino cambiare nome alla piazza, aggiungendo che non solo avevo precluso l’accesso delle auto su metà marciapiede, ma che ora stavo esagerando e me ne stavo approfittando”.

L’uomo allora parlando dell’omicidio di don Puglisi inveisce contro il presidente del Centro: “Hanno fatto bene ad ammazzarlo”. 

“Devi darti una controllata nel parlare – la replica di Artale – devi decidere da che parte stare, dalla parte della mafia o degli ‘sbirri‘, come li chiami tu’. Lui risponde che non si spaventa di nessuno e che di tutto questo movimento a lui non gliene fotteva niente”.

Artale aggiunge: “Ma dove erano le centinaia di persone che hanno esposto lenzuoli bianchi ai balconi in occasione della venuta del Papa? Come mai nessuno è sceso dalla propria abitazione per cercare di condurre alla ragione l’energumeno? Come mai, quando ho alzato lo sguardo verso le finestre e i balconi prospicienti la piazzetta, non c’era nessuno? Questo non deve capitare. Quei lenzuoli bianchi devono diventare lo specchio della coscienza”.

 

LEGGI ANCHE:

Papa Francesco: “Non si può credere in Dio ed essere mafiosi”

Il video di Papa Francesco a Palermo: “La mafia ha ucciso Padre Puglisi, ma in realtà ha vinto lui”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.