Ho nostalgia dei tempi in cui si pareggiava :ilSicilia.it

Ho nostalgia dei tempi in cui si pareggiava

di
13 Gennaio 2017

Ho nostalgia dei tempi in cui si pareggiava, oggi come nel basket o sei vincente o sei perdente, ma nessuno ne ha memoria.

Se diventerò sindaco, impianterò in ogni individuo un “chip” sottocutaneo che fornisca una memoria aggiuntiva, perché mi rendo conto che la gente da queste parti dopo un paio di anni dimentica la qualunque e se questa è una chance in più per le meretrici che dopo un tale periodo possono ricostruirsi una verginità, figuratevi per chi fa scelte controverse o opera nefandezze. Ci arriveremo presto, mi rendo conto che trattasi di una mostruosità, ma credetemi per migliorare questo mondo e smascherare inganni, un upgrade di memoria personale, sarebbe a dir poco indispensabile.

La nostra è una società poco seria e ingiusta. Ricordo di com’era la mia città qualche anno fa e ho nostalgia di quando esisteva un’umanità che pareggiava, ma passo dopo passo, un punto alla volta giungeva alla meta, l’agognata salvezza.

Così una persona umile venuta fuori dalla guerra, metteva su una famiglia e poteva con sacrifici fare studiare i figli, l quali con un concorso (potevano competere e alla fine) trovavano lavoro. Chi non trovava lavoro nel pubblico, in qualche modo un lavoro per campare lo portava a casa, così senza termini ipocriti come “meritocrazia” (quell’adoperata da chi favorisce gli amici degli amici) la società, un passo alla volta andava avanti e tutti alla fine del loro percorso lavorativo potevano migliorarsi.

Quella era una società che dava delle speranze. Oggi siamo davanti ad una società piena di sconfitti e insoddisfatti e i pochi vincenti sono coloro che spesso hanno truccato le regole. Conoscere qualcuno una volta serviva per trovarti un lavoro, oggi ti serve per avere un padrino e scavalcare gli altri.

Oggi concorsi non se ne fanno più, dopo che per anni sfruttando scorciatoie, liste di utilità, corsi formativi ad hoc e quant’altro, si è creata una classe dirigente non all’altezza della situazione, ma soltanto furba, accondiscendente e arrogante grazie all’uso di regole truccate ma vincenti.

Da una parte questi pochi “unti dal signore”, dall’altra, una pletora di perdenti che avevano puntato tutto su quelle regole morali di base della convivenza civile, oggi messe costantemente sotto i piedi. E sì, nella pratica sono cambiate le regole, come se a causa di una tempesta magnetica i poli si fossero invertiti.

Eppure questi vincenti li abbiamo visti crescere, li abbiamo visti sorpassarci e sappiamo come, basterebbe soltanto avere un po’ più di memoria per esporli al pubblico ludibrio.

Ma questa società è smemorata ed è in crisi, ma ci piace crogiolarci dietro i soliti luoghi comuni, ci piace riversare sempre la colpa sugli altri, finanche sull’uomo nero che giunge clandestino sul gommone, ci ruba il lavoro e ci porta insicurezza.

Tornando a casa tardi e con il gelo di queste notti, vedo accovacciato davanti alla vetrina sotto casa mia un clochard, uno di questi disperati, coperto in qualche modo, dormire il primo sonno dietro una espressione sorridente, nella speranza che la “signora in nero” non lo prenda a braccetto durante il suo bel sogno.

Lui è uno sconfitto da questa società e dire che costui è bianco, ha la mia stessa pelle e chi sa che storia alle spalle, probabilmente non dissimile da quella di noi “non vincenti”. La nostra è una società poco seria. Un abbraccio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin