Pretende i soldi e picchia madre e figlio: arrestato un uomo nel Catanese :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Pretende i soldi e picchia madre e figlio: arrestato un uomo nel Catanese

di
29 Giugno 2020

Un sorvegliato speciale di 42 anni, Pietro Giovanni Pappalardo, è stato arrestato dai carabinieri ad Aci Catena (Catania) con l’accusa di aver malmenato un 37enne e la madre 60enne di quest’ultimo per farsi consegnare 300 euro, somma che a suo dire gli era dovuta. Le circostanze sono in via di accertamento. L’uomo è stato rinchiuso nella casa circondariale di Noto (Siracusa).

I militari hanno eseguito nei suoi confronti una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale etneo per rapina, lesioni personali aggravate e tentativo di estorsione. Madre e figlio vennero aggrediti una prima volta nel marzo scorso a colpi di bastone e minacciati di morte se avessero avvertito i carabinieri e nell’ospedale di Acireale furono dichiarati guaribili rispettivamente in tre e quattro giorni per escoriazioni, ematomi e contusioni in varie parti del corpo. In quell’occasione le vittime denunciarono l’uomo.

Il 21 aprile scorso Pappalardo sorprese per strada il 37 enne e dopo avergli nuovamente chiesto inutilmente il denaro, lo colpì con un pugno al volto e gli sfilò il portafogli di tasca impadronendosi di 65 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.