I 30 anni dalla morte di Falcone e Borsellino: dal 2 gennaio in circolazione la nuova moneta commemorativa :ilSicilia.it

i due magistrati furono uccisi dalla mafia nel 1992

I 30 anni dalla morte di Falcone e Borsellino: dal 2 gennaio in circolazione la nuova moneta commemorativa

di
1 Gennaio 2022

Come non mai quest’anno il ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sarà vivo. Nel 2022 infatti decorrono 30 anni dalla scomparsa dei due giudici cha hanno dedicato la loro vita nella lotta contro la mafia. I tragici eventi che sconvolsero non solo Palermo e la Sicilia ma l’intera Italia sono rimasti indelebili nel cuore e nella mente di tutti. In occasione di tale anniversario sarà coniata una nuova moneta di 2 euro in ricordo dei due magistrati.

Lo scorso 9 novembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un decreto emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dopo la decisione presa nel maggio scorso nell’ambito del programma di emissioni numismatiche per il 2022 e il via libera del Consiglio dell’Unione europea, in cui si ufficializzava la stampa e la circolazione, a partire dal 2 novembre, di questa moneta commemorativa.

L’immagine ritratta sul retro della moneta è già stata resa nota in anteprima proprio all’interno della Gazzetta Ufficiale. La scelta è ricaduta in una delle foto più note e iconiche. Lo scatto è infatti quello realizzato da Tony Gentile il 27 marzo 1992, proprio pochi mesi prima delle stragi. In quell’occasione Falcone e Borsellino si trovavano in un evento pubblico, al palazzo Trinacria di Palermo, nel rione della Kalsa, per la presentazione della candidatura alla Camera dei deputati del collega Giuseppe Ayala. Il fotografo catturò un momento di conversazione tra i due in cui apparivano sorridenti e intenti a scambiarsi qualche battuta.

La moneta è composta anche da altri elementi. Sopra le teste dei due magistrati sono incisi i loro nomi, ‘FALCONE – BORSELLINO’, e alle due estremità si possono intravedere, più piccole, due sigle: a sinistra ‘VdS’, il nome dell’autore, Valerio de Seta, mentre a destra la lettera ‘R’, identificativo della Zecca di Roma. Al centro è posta un’altra sigla che corrisponde all’acronimo della Repubblica italiana, ‘RI’, ai cui lati sono riportate due date: il 1992, l’anno dei due omicidi, e il 2022, anno di emissione della moneta. A completare il design, ovviamente, le dodici stelle dell’Unione Europea.

Nonostante alcune critiche, dovute soprattutto alla tipologia dell’omaggio non ritenuto consono, in linea di massima la decisione è stata accolta con grande entusiasmo e ottimismo. Ad attenderla maggiormente sono soprattutto i collezionisti. Sin dai primi annunci i tanti appassionati di numismatica sono accorsi online per avere maggiori informazioni ed accaparrarsi la nuova stampa. Facendo una breve ricerca è infatti molto semplice imbattersi in qualche prevendita. La corsa all’acquisto è anche abbastanza comprensibile. Secondo decreto, infatti, le monete coniate saranno 3 milioni, per un valore totale di 6 milioni di euro. Per i collezionisti però non è finita qui. Come ogni anno, sono previste anche altre monete commemorative sia in Italia, è il caso dell’omaggio al 170° anniversario della Polizia di Stato, che negli altri paesi europei ma anche in emissione comune, per il 35° anniversario del Programma Erasmus.

Falcone e Borsellino

Si preannuncia quindi un anno ricco di commemorazioni, eventi, manifestazioni ma soprattutto riflessioni sotto un’unica bandiera comune, quella della lotta alla mafia. Prima la stage di Capaci il 23 maggio e poi quella di Via d’Amelio, poche settimane dopo, il 19 luglio, hanno lasciato un segno importante anche se sono ancora diverse le ombre che aleggiano sui due omicidi, le informazioni mai trapelate e i depistaggi. A 30 anni da quei terribili giorni possiamo definire il 1992 come un anno decisamente significativo, una specie di spartiacque tra due epoche distinte da una maggiore consapevolezza e presa di coscienza, che sconvolse l’intero paese non solo da un punto di vista sociale ma anche politico. Il sacrificio di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che hanno pagato con la loro stessa vita l’impegno, la dedizione e l’amore per il loro lavoro e le indagini svolte, non è stato sicuramente vano. Molti sono i cambiamenti e i traguardi ottenuti in questi decenni, anche se il più importante, l’estinzione e la cancellazione delle organizzazioni mafiose, sembra ancora lontano da raggiungere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.