I 5 Stelle blindano Di Maio ma su Rousseau si voterà solo su Conte e non sul governo col Pd | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il mondo grillino alla vigilia dell'esecutivo con i Dem

I 5 Stelle blindano Di Maio ma su Rousseau si voterà solo su Conte e non sul governo col Pd

30 Agosto 2019

I Cinque Stelle fanno quadrato intorno a Di Maio: “Chi tocca il nostro capo politico attacca ciascuno di noi. Il M5s è un monolite. Qualche volta ci siamo espressi a più voci ma quello che è successo in questo mese di agosto ci ha ricompattato”, ha detto il capogruppo M5s al Senato Stefano Patuanelli in conferenza stampa.

Una precisazione che si sarebbe resa necessaria per molteplici ragioni, soprattutto perchè, al di là del braccio di ferro con il Pd circa il ruolo del capo politico grillino, il vero nodo – anzi la quasi certezza – è che il Conte bis appanna ulteriormente la figura di Luigi Di Maio, visto che l’ex “avvocato del popolo” tornando in sella al governo con una diversa maggioranza, di fatto è diventato una figura ingombrante per i 5 Stelle e che potrebbe seriamente mettere in crisi le logiche e le leadership consolidate dei grillini. E allora, ecco la manifestazione di orgoglio pentastellato, che appare invero poco credibile, visto che arriva dallo stato maggiore del Movimento e non dai suoi attivisti.

Intanto, un’altra questione è quella relativa al voto riguardo il nuovo governo che avverrà sulla Piattaforma Rousseau: “Far votare i propri iscritti sulle scelte fondamentali per l’Italia è il metodo del MoVimento 5 Stelle. Rappresenta da sempre il nostro valore fondante ed è altamente democratico”, scrive in un post sul blog il M5S confermando il voto su Rousseau.

E ancora, sempre il blog delle Stelle scrive: “Sono valori democratici che non barattiamo per nulla e nessuno e chiediamo vengano rispettati, così come rispettiamo chi decide la propria linea politica in una direzione di delegati. Il Pd ha i propri organi decisionali, noi abbiamo il nostro: gli iscritti”.

Il fatto è, però, che a quanto pare gli iscritti al movimento 5 Stelle non saranno chiamati a votare a favore o contro l’accordo di governo giallo-rosa con il Pd, ma solamente sul nome di Giuseppe Conte quale nuovo presidente del Consiglio: evidentemente, così facendo, i vertici grillini vogliono evitare che possa arrivare una valanga di NO attraverso il voto on line e addolcire la pillola di un governo con chi fino a ieri (neanche un mese fa) veniva accusato di essere il “Partito di Bibbiano” e il “Partito del salva banche contro gli italiani”. 

Il dato numerico è che se si fosse andati alle elezioni anticipate, i sondaggi affermano che il M5s avrebbe perso per strada circa 300 parlamentari fra deputati e senatori che non sarebbero stati rieletti. Il rebus è invece il consenso che il Movimento 5 stelle perderà ulteriormente dopo avere governato insieme all’ “odiato Pd”, visto che nell’immaginario di molti attivisti, il Partito democratico è visto come il nemico numero uno del progetto grillino, il partito dell’establishment, della Fornero e dei corrotti, con oltre mille indagati fra i suoi esponenti. una pillola fin troppo amara da ingoiare per chi per anni ha gridato “onestà onestà”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.