I 5 Stelle in pressing su Orlando: "Clientele e partecipate allo sbando. Riferisca subito in Consiglio o si dimetta" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Dopo la relazione ispettiva del Mef

I 5 Stelle in pressing su Orlando: “Clientele e partecipate allo sbando. Riferisca subito in Consiglio o si dimetta”

di
28 Novembre 2017

Continuano le polemiche sul sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dopo il “blitz” dei funzionari del Mef (Ministero Economia e Finanza) che hanno messo nero su bianco ben 46 irregolarità sulla gestione della città e soprattutto delle aziende partecipate.

Dopo le dure accuse mosse ieri da alcuni parlamentari nazionali, i pentastellati del Consiglio Comunale tuonano contro il primo cittadino.

Concetta Amella«Al di là delle 46 irregolarità emerse dall’ispezione del Mef – sottolinea la consigliera M5S Concetta Amella c’è una gestione opaca, torbida e poco trasparente. Un modo di fare tipico di Orlando, per cui c’è sempre una emergenza che giustifica il raggiro delle regole… per lui c’è sempre un “ubi maior” per cui il diritto cessa. Da 30 anni è così. E ciò ha fatto la sua fortuna e di chi è in politica da sempre».

La consigliera pentastellata, che occupa la Commissione partecipate, ci va giù pesante: «Troppo facile stabilizzare tremila persone, dal 2012 al 2015, in barba al reale fabbisogno o alle necessità. Basti pensare al caso degli ex Lsu o ai dipendenti Coime in sovrannumero… per non parlare di tutte le partecipate».

Tra le 46 irregolarità del Mef, infatti, si citano le 856 unità del Coime in servizio eccedente, più varie opacità su assunzioni, stabilizzazioni e irregolarità nelle partecipate comunali quali Amat, Amia, Rap, Palermo Ambiente, Amg Energia e Amap.

«Insomma, è una politica clientelare – prosegue Amella – Orlando spieghi, ad esempio, come mai su 14 dirigenti vincitori di concorso, ben 13 ricoprivano già ruoli all’interno del Comune e 9 di essi erano referenti comunali. Concorsi quindi creati ad hoc per stabilizzare il personale interno. C’è una visione privatistica della cosa pubblica. Orlando dovrebbe dimettersi… Lo aspettiamo in Consiglio per riferire i suoi chiarimenti. Vediamo se sarà in grado di smentire rilievi tanto gravi».

 

SCARICA QUI LA TABELLA CON LE 46 IRREGOLARITÀ

 

LEGGI ANCHE: 

Orlando furioso: “L’ispezione del Mef? Smentirò tutto, punto per punto”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco