I 50 anni dallo sbarco sulla Luna: all'Ars foto, video e giornali dell'epoca | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

si può indossare anche la tuta Nasa

I 50 anni dallo sbarco sulla Luna: all’Ars foto, video e giornali dell’epoca | FOTO

di
16 Luglio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il 16 luglio 1969 iniziò un nuovo cammino oltre ogni confine: l’uomo partì per la Luna. Un’impresa straordinaria, di cui molti hanno perso coscienza, che portava con sé la speranza di cambiare la vita dell’umanità. Un nuovo viaggio di Cristoforo Colombo che, di fatto, dava l’avvio all’era spaziale.

La Fondazione Federico II e l’Assemblea regionale siciliana con l’Inaf, Osservatorio Astronomico di Palermo con il supporto tecnologico offerto da Lenovo celebrano il 50° anniversario dell’allunaggio martedì 16 luglio a Palazzo Reale con un appuntamento speciale dedicato a quello che fu uno dei più significativi momenti del Novecento.

“Destinazione Luna”, grazie all’impiego delle nuove tecnologie, farà rivivere ai visitatori una delle conquiste più importanti, non solo dal punto di vista scientifico, e rappresentò un fatto culturale nella Storia dell’Uomo senza precedenti. Sarà consentito accedere all’evento dal portone monumentale di Piazza del Parlamento, dalle 20 alle 21.30. Le attività chiuderanno alle 24.

Locandina_Destinazione LunaL’evento offrirà al visitatore un’esperienza esclusiva e coinvolgente. Gli intervenuti saranno accolti nel cortile Maqueda dove su un ledwall saranno proiettati video e filmati d’archivio sulla missione dell’Apollo 11. Il visitatore potrà immergersi in una realtà virtuale e rivivere lo sbarco sulla Luna grazie all’ausilio di 15 visori di ultima generazione. La Fondazione Federico II si è, inoltre, cimentata nella ricerca dei periodici e dei quotidiani originali del 1969 che raccontarono l’allunaggio. Proprio nel cortile Maqueda sarà allestita una ricca e preziosa esposizione che raccoglie le prime pagine dei principali giornali dell’epoca.

Nei Giardini Reali saranno possibili osservazioni astronomiche della Luna con i preziosi contributi degli astronomi. Una foto ricordo, poi, indossando la tuta degli astronauti in un’ambientazione lunare. Ed, infine, in occasione dell’evento, l’apertura straordinaria della mostra CASTRUM SUPERIUS. IL PALAZZO DEI RE NORMANNI allestita nelle sale Duca di Montalto.

“La Luna rispecchia la cultura di ogni popolo. L’arte con la sua straordinaria capacità di inventare mondi diversi da quello della realtà – dice Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II – è espressione dei valori umani. E proprio qui, a Palazzo Reale, luogo dove l’incontro tra la cultura, l’arte e la storia regna da secoli abbiamo scelto di dedicare un evento per i cinquant’anni dello sbarco sulla Luna. Per ricordare a chi c’era la straordinaria conquista legata alla tecnologia come un fatto culturale. E a chi non c’era l’enorme sforzo dell’ingegno umano. La Luna divenne qualcosa di religioso. Un simbolo di tutti noi alla continua ricerca di mondi nuovi senza saperne il perché”.

Epoca_luna_ArmstrongLa data scelta per celebrare i cinquant’anni dell’allunaggio di Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins è il 16 luglio, data della partenza dell’Apollo 11 e si verificherà un’eclissi parziale del satellite naturale della terra alle 22.12 con un picco che sarà raggiunto alle 23.30.

“Palermo diventa la terza città italiana dell’apprendimento permanente riconosciuta dall’Unesco. Un riconoscimento importante che ha l’obiettivo di sostenere quei processi educativi e culturali tra le città associate. Legami e sinergie istituzionali come quelli che, in occasione dell’evento Destinazione Luna, – spiega Gianfranco Miccichè, Presidente dell’Ars – l’Assemblea regionale siciliana e la Fondazione Federico II hanno stretto con l’Inaf, Osservatorio Astronomico e l’Università di Palermo”.

 

LEGGI ANCHE:

I 50 anni dello sbarco sulla Luna: a Palermo Alberto Angela all’Auditorium Rai

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.