"I art Madonie", via alla riqualificazione dei siti che ospiteranno i Centri Culturali Polivalenti | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

martedì 28 luglio

“I art Madonie”, via alla riqualificazione dei siti che ospiteranno i Centri Culturali Polivalenti | FOTO

di
27 Luglio 2020

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Sono cominciati nei giorni scorsi i lavori di riqualificazione di 9 dei 18 siti che ospiteranno i Centri Culturali Polivalenti previsti nell’ambito del progetto I art Madonie, il cui  completamento dei lavori è previsto entro la fine dell’anno.

La presentazione del progetto, finanziato dal “bando periferie” per un ammontare di circa 3,6 milioni di euro, è prevista per martedì 28 luglio, alle ore 16, nella sala consiliare del comune di Pollina, in presenza del sindaco Magda Culotta, del direttore generale e ideatore del progetto Lucio Tambuzzo, coordinatore di I World, dell’amministratore unico di So.Svi.ma Spa Alessandro Ficile, capofila del progetto “I ART Madonie” e del responsabile unico del procedimento Carmelo Macaluso.

Tra i siti in fase di riqualificazione c’è anche il Museo etnoantropologico della tradizione del comune di Sciara, nelle Madonie.

“L’intervento riguarda il Museo e il suo parco adiacente – spiega il sindaco di Sciara, Roberto Baragone – che si sposa benissimo con la nostra idea di rendere fruibile ai nostri concittadini la struttura culturale, la cui riapertura abbiamo inaugurato due anni fa. La parte del parco sarà interamente riqualificata con una nuova pavimentazione, nuovi impianti di illuminazione ed impianti multimediali, con l’obiettivo di aprire a piccoli eventi culturali e musicali. I lavori di riqualificazione riguarderanno anche l’interno del Museo, che ospita anche una mostra fotografica permanente dedicata a Salvatore Carnevale. Un’altra ala del Museo è dedicata a mostre di pittura e ad esposizioni di artigianato”, conclude il sindaco Baragone.

Il progetto “I Art Madonie” vede coinvolto un partenariato pubblico–privato, composto da 18 comuni (Alimena, Aliminusa, Bompietro, Caltavuturo, Castelbuono, Cerda, Geraci Siculo, Gratteri, Lascari, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni e Valledolmo) e 2 partner privati (Associazione I World e Sinergie Group Srl), guidati dalla So.Svi.Ma. Spa e che prevede, tra l’altro, azioni di rigenerazione urbana dei Comuni aderenti e loro messa in rete, il miglioramento della qualità del decoro urbano, il potenziamento delle prestazioni e dei servizi di scala urbana, tra i quali lo sviluppo di pratiche del terzo settore per l’inclusione sociale, l’adeguamento di nove delle 18 infrastrutture destinate ad attività e servizi sociali e culturali, educativi e didattici.

Gli obiettivi si conseguiranno attraverso la creazione di Centri Culturali Polivalenti (CCP) che, grazie al supporto di qualificati esperti, svilupperanno contenuti tematici, in grado di raccontare –con strumenti multimediali – in modo originale e creativo il paesaggio, la cultura e le identità territoriali. Inoltre, il progetto prevede il coinvolgimento di alcuni dei più interessanti artisti contemporanei della scena internazionale, che produrranno circa 400 opere di street art e digital art in realtà aumentata, dando luogo ad uno dei più estesi progetti artistici di arte urbana a livello nazionale.

Gli artisti saranno selezionati in corso d’opera sulla base di indiscussa fama e di un avviso pubblicato su alcune delle più importanti riviste di arte contemporanea a livello internazionale. Essi interverranno negli spazi urbani individuati dai Comuni nel rispetto dei vincoli urbanistici e paesaggistici e prenderanno come spunto il patrimonio culturale immateriale delle Madonie.

I Art Madonie genererà anche rilevanti attività di networking nazionale e internazionale grazie alla piattaforma “MILLEPERIFERIE”, che mette in rete i progetti più rilevanti in ambito di rigenerazione e riqualificazione urbana delle periferie italiane ed europee, al fine di divulgare best practices, promuovere scambi di esperienze e stimolare processi condivisi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.