13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11
Palermo

Una cerimonia per la consegna dei moduli al comitato

I bambini del Circolo Didattico Rosolino Pilo raccolgono oltre mille firme per l’Oreto | VIDEO

13 Novembre 2018

Guarda il video in alto

Il Circolo Didattico Rosolino Pilo di Palermo ha sposato la causa del fiume Oreto. Il Fai ormai da nove anni promuove il recupero dei luoghi più emblematici del nostro Paese, ma abbandonati all’incuria e lo fa con un concorso dal titolo: “I luoghi del cuore”.

I primi tre classificati riceveranno dei fondi che verranno utilizzati proprio per il recupero. Un gruppo di cittadini riuniti nel Comitato Salviamo l’Oreto da maggio portano avanti questa battaglia di civiltà che passa dalla consapevolezza di un sogno, riportare una vasta area della città al suo antico splendore.

Il concorso che si concluderà il 30 novembre ha visto la partecipazione attiva di diverse sigle e associazioni che dal basso hanno dato il loro contributo nella raccolta delle firme e nella divulgazione del fiume inteso come bene comune. A sposare il sogno di rivedere l’Oreto dei palermitani rigoglioso e fruibile anche i bambini e le famiglie della scuola di via La Franca, a due passi dal fiume, che capeggiati dal loro Dirigente Scolastico Lina Pizzolanti e dalla sua collaboratrice Pamela Vassallo, hanno raccolto più di 1100 firme. I moduli sono stati consegnati durante una cerimonia voluta ad hoc dalla dirigenza scolastica, in cui sono stati esposti anche i lavori realizzati dai bambini, a Salvo Bucchieri una delle anime instancabili del Comitato.

Una mattina ricca di emozioni culminata negli interventi dei più piccoli che per un attimo hanno trascinato i presenti in una visione onirica, ma reale, ovvero quella di poter vivere il loro fiume come accade nelle più belle città del mondo.

L’iniziativa arriva all’indomani del Contratto di fiume siglato fra i sindaci di Palermo, Monreale e Altofonte, segno di come un rapporto sinergico tra i cittadini e le istituzioni possa essere sinonimo di reale interesse per il nostro territorio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.