"I boss di Corleone erano di casa in Calabria". Le memorie di Gratteri :ilSicilia.it
Enna

A Enna il magistrato ha presentato il suo libro "Padrini e padroni"

“I boss di Corleone erano di casa in Calabria”. Le memorie di Gratteri

di
22 Dicembre 2016

“I super boss della mafia siciliana erano di casa in Calabria. Provenzano era sorvegliato a Gioiosa Ionica ed era commensale abituale con Ntoni Macrì, un capomafia che discuteva alla pari con Cosa nostra americana. Quando è morto sono partiti cinque voli charter, al suo funerale a Siderno c’erano 40.000 persone”. Così il magistrato Nicola Gratteri, nel corso della presentazione del suo ultimo libro “Padrini e Padroni“, che si e’ tenuta presso la Procura di Enna. Erano presenti, tra gli altri, il procuratore di Enna, Massimo Palmeri, e Klaus Davi.

I funerali di 'Ntoni Macrì a Siderno
I funerali di ‘Ntoni Macrì a Siderno

La ‘Ndrangheta era già potente allora; è stato il legislatore, sono stati i politici, i magistrati, le forze dell’ordine a non capirlo – aggiunge -. Siccome non uccideva e non toccava le istituzioni era una mafia agropastorale. Ricordo negli anni ’70 Ntoni Macri’, il capomafia che aveva in mano tre quarti dell’università di Messina – racconta il magistrato a una platea di oltre 500 giovani studenti – e la gente di Locri, Gioiosa, Seminara, Siderno, Gioia Tauro, Rosarno, Reggio si laureava con corruttele, regalie, con minacce. Ricordo un professore universitario chiuso nel bidone della spazzatura e la mattina dopo lo hanno salvato i netturbini prima che accendessero la macchina. La Casa dello Studente era in mano alla ‘Ndrangheta: era un bazaar, si vendeva di tutto droga, armi, kalashnikov, esplosivo qualsiasi cosa. Messina in quegli anni, era un pezzo della provincia di Reggio Calabria. Era gestita nel senso mafioso del termine dalla ‘Ndrangheta“.

Anche per questo il magistrato decise di continuare gli studi a Catania: “Già tutti i miei compagni di scuola erano figli di capimafia, di ‘ndranghetisti. Riina è venuto anche vestito da prete ad Africo, a incontrare Don Stilo, un sacerdote importante, potente che viaggiava armato. E quando gli si chiese il perchè viaggiasse armato rispondeva , perchè vado nelle campagne, a dare i sacramenti e non so chi incontro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin