I cinquanta anni dell'Asael, l'associazione degli enti locali voluta da Piersanti Mattarella | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

Convegno a Palazzo dei Normanni

I cinquanta anni dell’Asael, l’associazione degli enti locali voluta da Piersanti Mattarella | Video intervista

di
3 Aprile 2019

Guarda la video intervista in alto

L’Asael, l’Associazione siciliana degli amministratori degli enti locali, ha compiuto cinquanta anni dalla sua fondazione. I rappresentanti dell’organizzazione fondata da Piersanti Mattarella, oggi guidata da Matteo Cocchiara, si sono riuniti nella sala di Palazzo dei Normanni dedicata proprio all’ex Presidente della Regione siciliana ucciso nel 1980 per celebrare il mezzo secolo di vita dell’Asael.

Il 3 aprile del 1969 – ricorda Cocchiara – venne costituita l’associazione siciliana degli amministratori degli enti locali e il promotore principale fu il compianto presidente Piersanti Mattarella, cultore della politica e degli enti locali che ebbe un’intuizione: serviva una associazione che supportasse gli enti locali. Parliamo degli anni Settanta – ripercorre il presidente –, quando i sindaci avevano come obiettivo quello di pagare le bollette chiedendo aiuto allo Stato con i mutui a pareggio, in virtù di un sistema di finanza locale determinante.

“L’intuizione di Mattarella – dice ancora Cocchiara – fu di creare una struttura di servizio per gli amministratori degli enti locali: celebrare il cinquantesimo dell’Asael significa ripercorrere la storia della Sicilia e di un contesto che va diventando sempre più complesso. Vogliamo verificare se quell’intuizione è ancora attuale – conclude Cocchiara –, se associazioni come la nostra possono ancora svolgere un ruolo di supporto in un momento di gravissima difficoltà che i sindaci ben conoscono“.

Al convegno per celebrare i cinquanta anni dell’associaizone, presente anche il vicepresidente della Regione siciliana Gaetano Armao:  “L’Asael ha svolto e svolge un ruolo straordinario per le amministrazioni locali siciliane. Sono stati 50 anni di incontri, approfondimenti, documenti che hanno offerto un importante supporto ai comuni, alle province, ai consorzi e all’amministrazione regionale. Per le autonomie locali siciliane il contesto è oggi profondamente mutato – ha aggiunto – La legislazione ha riferito autonomia e responsabilità finanziaria senza strumenti adeguati. La vicenda del prelievo forzoso sulle province siciliane, che ha sottratto circa 700 milioni a tali enti, è emblematica“.

Armao ha anche ricordato l’impegno del governo regionale per ottenere dallo Stato i necessari trasferimenti e consentire alle ex Province di chiudere i bilanci: “Il 4 aprile a Roma si terrà al Mef l’incontro che dovrebbe esser conclusivo di un lungo negoziato sul tema“, ha concluso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.