I conti Amap non tornano: a rischio dipendenti, servizi e capitale sociale :ilSicilia.it
Palermo

A lanciare l'allarme il consigliere comunale Terrani

I conti Amap non tornano: a rischio dipendenti, servizi e capitale sociale

di
29 Maggio 2019

Continuano le preoccupazioni per le aziende partecipate dell’Amministrazione, questa volta al centro c’è l’Amap, con la vicenda che riguarda il mancato pagamento dei corrispettivi dovuti all’azienda da parte del Comune di Palermo per il servizio di manutenzione ordinaria dei manufatti adibiti allo smaltimento delle acque meteoriche e per la pulizia e manutenzione ordinaria delle caditoie stradali da 1 anno e 1/2.

Inoltre, con una nota del 23 maggio 2019, il settore Società Partecipate ritenendo non valido il capitolato prestazionale, in quanto, secondi gli stessi, i prezzi non sono ritenuti congrui, hanno richiesto la restituzione dei corrispettivi già liquidati negli ultimi 5 anni per un importo quantificato in 21.686.099,78 con atto di messa in mora.

Sandro TerraniIntanto giurisprudenza vuole che su un contratto in essere non può essere richiesto il recupero delle somme – afferma Sandro Terrani, capogruppo del Mov139 –  I dirigenti sono smentiti proprio dallo stesso capitolato prestazionale del 28.12 2014 firmato dal direttore di Amap e dall’ingegnere Vallone per l’amministrazione Comunale, all’art. 5 Congruità dei Prezzi “tra le parti si da atto che i corrispettivi relativi alle attività di cui al Presente Capitolato Prestazionale sono stati ritenuti congrui come stabilito dall’art. 4”. Tali corrispettivi sono determinati sulla base della consistenza attuale degli impianti e della specifica del servizio reso“.

Tra l’altro  – aggiunge Terrani – è utile precisare che l’importo complessivo annuo del contratto di euro 8.070.387,18 compresa IVA, risulta essere lo stesso di quello determinato con deliberazione di G.C. n. 378 del 12.10.2006 e la successiva D.D. n. 125 /2006. Da sottolineare che l’importo non è mai variato per ben 9 anni dal (2006 al 2014) e che oggi dopo 13 anni continua ad essere sempre lo stesso a fronte di aumenti contrattuali dei dipendenti“.

Tale importo è stato pagato fino al 30.6.2014 secondo i criteri precedentemente fissati che non riguardano la questione attuale (periodo temporale antecedente al passaggio del servizio in Amap Spa. A fare data del 1.7.2014 l’importo annuale, suddiviso in rate mensili, è stato pagato a seguito di verbali sottoscritti tra le parti e conseguenti alle verifiche settimanali in contraddittorio.Per di più, nessuna contestazione e/o penale è stata applicata ai sensi dell’art. 24 del contratto del 2001 e del successivo 2015” spiega ancora il consigliere.

Intanto, il blocco dei pagamenti di servizi già svolti, avrebbe prodotto aggravio economico per Amap, che sta continuando ad erogare stipendi e salari e che potrebbe portare ad avere dei disservizi.

Infatti, l’Amap a partire dal 1 giugno 2019 non potrà garantire più il servizio di pronto intervento (reperibilità), proprio del personale assegnato alle attività di pulizia e manutenzione ordinaria delle caditoie stradali” prosegue il capogruppo del Mov139.

Insomma la partecipata del Comune sta rischiando di non potere approvare il bilancio e di perdere i 20 milioni della BEI destinati per interventi nei Comuni, ed è a rischio lo stesso capitale sociale dell’azienda.

Certamente, la preoccupazione è tanta soprattutto perché si mette a repentaglio, la salvaguardia sia dei posti di lavoro dei dipendenti, sia l’esistenza della stessa società Amap” conclude Terrani.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.