24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.12

mancano ancora i dati di Ippolito e pierobon

I conti in tasca alla politica: pubblicati i redditi dei big del governo siciliano

31 Marzo 2018

Sono stati resi noti i redditi del 2017 dei componenti della giunta regionale. Dai dati emerge che il più ricco sembra essere Gaetano Armao, l’assessore all’Economia.

La notizia è stata anticipata dall’edizione palermitana di Repubblica. Palazzo d’Orleans ha, infatti, pubblicato le dichiarazioni dei redditi degli assessori regionali e quello del docente universitario ammonta a 346 mila euro. Lo seguono Roberto Lagalla (Istruzione e Formazione) e Toto Cordaro (Territorio e Ambiente) con, rispettivamente, 173 mila e 101 mila euro.

Il presidente Nello Musumeci, con 92 mila euro, si colloca a metà classifica tra Marco Falcone (Infrastrutture) e Bernardette Grasso (Autonomie locali) con 95 e 90 mila euro.

Seguono Girolamo Turano (Attività produttive), Sandro Pappalardo (Turismo), Edy Bandiera (Agricoltura) e Ruggero Razza (Salute). Per loro, in ordine di menzione, redditi da 88 mila, 65 mila, 29 mila e 18 mila euro. Fanalino di coda, dunque, è proprio Razza, politico catanese, fedelissimo di Musumeci e titolare dell’assessorato alla Salute.

Rimangono ancora da acquisire i dati relativi ai redditi di Mariella Ippolito (Famiglia) e Alberto Pierobon (da poco nominato ai Rifiuti).

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.