I - design: a Palermo i gioielli di Alexander Blackwood e il packaging "Ucciardone" | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

in esposizione fino al 3 novembre

I – design: a Palermo i gioielli di Alexander Blackwood e il packaging “Ucciardone” | Video servizio

di
28 Ottobre 2019

Guarda il video servizio in alto

L’VIII edizione di I-design ha inaugurato presso i locali di Spazio Centotre l’esposizione di gioielli artigianali del designer Alexander Blackwood, conosciuto come Sasha, proveniente da Montreal, Canada, e molto conosciuto in Europa.

La sua passione per i gioielli, come ci dice nella video intervista, nasce da subito al fianco del padre, John Blackwood, che emigrò con la madre da Dresda in Germania negli anni ’50 a Montreal dove aprirono un piccolo negozio di gioielli.

Blackwood
Blackwood

Blackwood, sin da piccolo, aveva una passione per l’arte e trascorreva le ore dopo la scuola a praticare nel laboratorio del padre e ad assistere gli orafi nel loro lavoro. Nei primi anni ’70 si trasferì a Caracas, in Venezuela dove fu affascinato dal vero spirito bohemien che vi si respirava.

Ispirato dalla terra e dalla gente che vi incontrò coltivò la sua passione per il design del gioiello e iniziò a realizzare pezzi unici personalizzati. Tornato a Montreal dopo 6 anni, lavorò con suo padre come orafo, assumendo il ruolo di capo designer e ridisegnando il brand dell’attività di famiglia in uno stile più contemporaneo: il nuovo marchio ebbe un enorme successo.

La collezione che Blackwood ha portato in esposizione a Palermo, e per la prima volta in Sicilia, consta di alcuni pezzi “storici” realizzati molto tempo fa e altri, invece, progettati e realizzati ad hoc per I – design.

Il suo lavoro spazia dalla ispirazione che giunge dalle persone che lo circondano e dal luogo in cui si trova, unendo pietre e metalli preziosi a elementi quali la radica, la plastica, i metalli insoliti o altri materiali durevoli e lavorabili.

Usando le sue tecniche personali e la massima attenzione ai dettagli, nel corso degli anni ha vinto numerosi premi e menzioni d’onore. In particolare, lui e il padre sono stati inclusi nel prestigioso gruppo di designer noto come “Aspects” che, alla fine degli anni ’90, fece conoscere la produzione della ditta a Basilea e nel Nord America, dove ha esposto le sue opere diverse volte.

Dal design dei gioielli al design del packaging per la pasta “Ucciardone”, altro progetto inaugurato in questa edizione della manifestazione nelle vetrine di Spinnato (via Principe di Belmonte, 107) fino al 3 novembre.

Angelo Pantina
Angelo Pantina

I prodotti sono stati realizzati dagli studenti di primo anno del corso di Laboratorio di design di prodotto e di comunicazione tenuto da Angelo Pantina, che ai nostri microfoni spiega la valenza sociale del progetto.

L’obiettivo è quello di creare una nuova impresa sociale autonoma e competitiva sul mercato della produzione di pasta secca di grano duro di Sicilia presso la V Sezione del Carcere Ucciardone che porti non solo all’inserimento lavorativo dei detenuti coinvolti, avviando un processo di rieducazione in carcere, ma soprattutto alla possibilità di creare un nuovo marchio produttivo che possa diffondere la grande qualità del grano duro siciliano.

packaging

Un’esposizione di packaging, portatrice di un forte messaggio sociale, che vuole dimostrare alla città come dal processo formativo si possa giungere alla professione di designer, pur nell’estrema difficoltà del contesto.

Lo spirito della mostra si potrebbe sintetizzare nello slogan “dalla formazione alla produzione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.