"I fallimenti dell'antimafia": a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL SERVIZIO IN ONDA IERI SERA

“I fallimenti dell’antimafia”: a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO

di
27 Novembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuova puntata de Le Iene, dopo quella del 2017, sui “fallimenti dell’Antimafia” e sul caso Saguto. Stavolta la titolano così: “Quando anche l’antimafia distrugge vite e aziende”. Nel servizio, infatti, si racconta una delle distorsioni delle misure di prevenzioni antimafia.

Matteo Viviani affronto il paradosso giudiziario che ha distrutto due generazioni della famiglia Cavallotti (che avevano un’impresa di impianti di pulizia di gas metano a Belmonte Mezzagno) e i negozi dei fratelli Niceta, a Palermo.

Le loro vite si incrociano con lo scandalo dell’inchiesta che coinvolge Silvana Saguto, ex presidente della sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, radiata dalla magistratura.

iene NicetaLa dimostrazione che una legislazione – seppur sacrosanta e pensata per combattere la mafia – senza i dovuti controlli, possa fallire. “Quello dei Cavallotti non è purtroppo l’unico caso: i fratelli Massimo, Piero e Olimpia Niceta avevano uno dei più grandi negozi di Palermo della catena che per 100 anni ha rappresentato un punto di riferimento per la moda italiana. Anche questo lo troviamo oggi in condizioni disastrose”, dicono Le Iene.

A prendere in mano l’amministrazione giudiziaria del patrimonio dei Niceta è l’avvocato Aulo Gigante, oggi a processo con l’accusa di corruzione insieme alla Saguto.

 “È importante che lo Stato raccolga le nostre storie non perché ci vogliamo lamentare, ma perché vogliamo rappresentare ciò che succede all’ombra di una misura di prevenzione”, dicono i Niceta.

 

 

IL SERVIZIO DEL 2017:

Le Iene smascherano un altro “caso Saguto” e il fallimento dell’Antimafia

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.