I fedelissimi di Crocetta fanno quadrato: "Il presidente della Regione sia scelto dai siciliani non da Roma" :ilSicilia.it
Palermo

Il documento del Megafono di sostegno all'attuale governatore

I fedelissimi di Crocetta fanno quadrato: “Il presidente della Regione sia scelto dai siciliani non da Roma”

di
5 Agosto 2017

Mentre nel centro destra si corre ai ripari, approntando la tesi che è stato tutto un malinteso costruito da “polemiche giornalistiche” come ha provato a sostenere Nello Musumeci leader di #diventeràbellissima dopo la dichiarazione di Miccichè ieri, il centrosinistra medita e riflette in silenzio, provando ad articolare un ragionamento unitario sul nome di Fabrizio Micari, Rettore dell’Università di Palermo.

E Crocetta?

Il governatore siciliano non ha lasciato passare il week-end invano.

A Trabia  la direzione regionale del Megafono  ha approvato un documento che fissa  in 10 punti la linea di continuità tra presente e futuro dell’attività di governo dell’ex sindaco di Gela, che va avanti nella sua ricandidatura a presidente della Regione: “Il Megafono – si legge al primo punto- esprime la propria preoccupazione sul metodo scelto da alcune forze di maggioranza, rispetto alla candidatura del presidente della Regione. E’ prassi consolidata nel centro sinistra, che il presidente uscente venga ricandidato a meno di non trovarsi di fronte a fatti gravi, che rendano inopportuna la candidatura. Crocetta è il primo rappresentante del centro sinistra che dal 1946 in poi, ha vinto le elezioni con mandato popolare“.

E poi ancora il documento prosegue: “Il governo Crocetta ha risanato il bilancio, rilanciato la crescita e creato le condizioni per lo sviluppo di questa terra, non si può con un colpo di spugna cancellare quanto è stato fatto per tornare a mediazioni infinite, alla politica politicante, ai tragici riti del potere“.

Quindi l’affondo più o meno finale: “Il presidente della Regione deve essere scelto dai siciliani, non teleguidato da Roma. La Sicilia è chiamata ad esprimere la propria classe dirigente“.

Da domani si riparte. Sperando che da Roma per Crocetta non arrivino cattive notizie.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin