I Florio padroni del mare sotto i Borbone | ilSicilia.it :ilSicilia.it

I Florio padroni del mare sotto i Borbone

20 Settembre 2019

La fortuna dei Florio, che nel corso dell’Ottocento divennero la più potente e facoltosa dinastia imprenditoriale siciliana, fu anche dovuta alla non comune capacità di relazionarsi in modo concreto col potere politico del tempo.
Non è un caso che Vincenzo Florio, negli anni della rivoluzione siciliana del ’48, fosse riuscito a barcamenarsi positivamente fra le parti in conflitto rimanendo gradito sia a coloro che aspiravano al cambiamento che a quanti rimanevano, invece, fedeli al decadente regime borbonico.

A conferma di ciò vogliamo ricordare il caso dell’aggiudicazione del remunerativo business del servizio postale di cabotaggio fra Palermo e Napoli. Siamo nel 1858 e andava in scadenza la concessione alla Compagnia di navigazione a vapore delle Due Sicilie che fino ad allora aveva esercitato il servizio.

Vincenzo Florio, da grande industriale e finanziere qual era, fiutò il lucroso affare e, per raggiungere l’obiettivo, mise in campo le sue relazioni privilegiate con la corte borbonica per ottenere la concessione. Non è un caso, infatti, che per ordine di Ferdinando II, in barba alla gara, venissero privilegiate le trattative con i Florio rispetto alle offerte degli altri concorrenti.

Tanto è che il contratto con la ditta dell’imprenditore siciliano venne siglato il 26 giugno 1858 e approvato dal governo il 2 ottobre successivo nonostante la controfferta presentata dalla Compagnia delle Due Sicilie che presentava un ribasso, seppur modesto, rispetto a quella del Florio.

Ad evidenziare la forzatura basta fare mente locale sul fatto che la ditta Florio non fosse neppure preparata per disponibilità di mezzi ad esercitare quel servizio, cioè non disponeva dei piroscafi necessari. Per compensare questa carenza, che di per sé avrebbe impedito l’esecuzione del contratto, il governo napoletano veniva, invece, incontro all’imprenditore siciliano stanziando un’anticipazione straordinaria di 30.000 ducati per consentire al Florio di acquistare a Liverpool il piroscafo Archimede, il primo piroscafo con scafo integralmente in ferro mai registrato in Sicilia.

L’Archimede, che contribuì con il suo servizio ad accrescere il già consistente patrimonio della ditta Florio, iniziò i suoi viaggi fra Palermo, Messina e Napoli il 12 novembre 1858. Per completare l’informazione, c’è da aggiungere che, quel contratto iniziale di favore, grazie sempre alle buone relazioni di Vincenzo Florio (non possiamo escludere che ciò fosse avvenuto con qualche elargizione straordinaria per ingraziarsi qualche funzionario) fu più volte rinegoziato per agevolare ulteriormente le aspettative dell’imprenditore siciliano.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.