I francesi con la Renault 4 continuano a girare la Sicilia: ora sono a Mazzarino :ilSicilia.it
Caltanissetta

S'infiamma di nuovo la polemica

I francesi con la Renault 4 continuano a girare la Sicilia: ora sono a Mazzarino

di
7 Aprile 2020

Prosegue il giallo della Renault 4 con artisti di strada francesi che nei giorni scorsi è arrivata in Italia “bucando” i controlli nello Stretto di Messina e che continua indisturbata a girare l’Isola, spostandosi da una località all’altra.

Il caso era stato denunciato con toni forti dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, e adesso è la volta del sindaco di Mazzarino, Vincenzo Marino.

L’auto con a bordo con alcuni artisti di strada era stata avvistata in autostrada e poi in nave e poi ancora agli sbarchi a Messina: le immagini che inizialmente erano state definite da qualcuno come una fake news, erano finite sui social, scatenando aspre polemiche e la vicenda spinse proprio De Luca a contestare l’efficacia dei controlli, con una serie di bordate rivolte al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

Ora la Renault 4, a quanto pare, continua a spostarsi in altre zone della Sicilia, e dall’etneo si è spostata nella provincia di Caltanissetta, da ieri a Mazzarino.

“Signora Ministra Lamorgese – afferma De Luca – ha notizie della famosa Renault 4 che ha attraversato abusivamente l’Italia ed il 22 marzo alle ore 22.40 lo Stretto di Messina? Parli con Vincenzo Marino, il Sindaco del Comune di Mazzarino, della provincia di Caltanissetta. Anzi si guardi questo video che risale a ieri sera e poi rassegni le sue dimissioni. La prego, signora Ministra Lamorgese, non denunci per lesa maestà anche il mio collega sindaco di Mazzarino”.

renault 4-acitrezza
la Renault 4 ad Acitrezza

“La famosa Renault 4 di Acitrezza ora l’abbiamo ritrovata a Mazzarino – afferma il sindaco di Mazzarino, Marino in un videomessaggio –. Mi hanno avvisato e mi sono precipitato lì in una campagna e immediatamente mi sono reso conto che era quella la macchina. Ho chiamato i Carabinieri, hanno identificato i soggetti. Erano proprio loro, una cosa assurda. I signori si sono giustificati dicendo che si trattava di motivi umanitaria e ad Acitrezza vivevano in 8 in una stanza, quindi conoscendo il proprietario della campagna qui vicino Mazzarino hanno deciso di venire nella nostra città“.

“Non abbiamo visto alcuna autorizzazione, soltanto un’autocertificazione redatta da loro nella quale si affermava che per problemi umanitari venivano nella nostra città. Mi chiedo come sia possibile. Si dovrebbe uscire e ci si dovrebbe spostare da una città soltanto per motivi di lavoro ma non in questo modo e per queste situazioni”, aggiunge il sindaco di Mazzarino. 

Il giallo, insomma, continua e la vicenda pare destinata ad animare ulteriori polemiche. Per il momento, indubbiamente, si confermano le perplessità e i dubbi, dei sindaci ma anche dei tanti siciliani che rimangono in casa ad osservare con rigore la quarantena mentre questa comitiva francese gira allegramente la Sicilia. 

 

IL VIDEO:

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, la Renault 4 arrivata in Sicilia: il simbolo della mancanza di controlli

Coronavirus, gli hippy arrivati in Sicilia: “La Renault 4 è la nostra casa, costretti a venire qui” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin