"I Frusciuletti", dolce tipico carnevalesco di Geraci Siculo | LA RICETTA :ilSicilia.it
Palermo

Dolci tradizioni siciliane

“I Frusciuletti”, dolce tipico carnevalesco di Geraci Siculo | LA RICETTA

di
14 Febbraio 2020

C’è un proverbio siciliano che recita: “Cu è riccu d’amici è poveru di guai” e questo è proprio il nostro caso che, grazie a preziosi ganci sparsi ovunque, veniamo a conoscenza di bellissime tradizioni che, affondando le proprie radici nella sacralità delle feste patronali, nel profano delle sagre e nel culinario attraverso tante ricette, tra cui quella de “I Frusciuletti“, ci fanno conoscere le tante belle realtà della nostra Sicilia. L’amico che ci ha guidato alla scoperta di queste bontà geracesi è Giacomo Salmeri, appassionato divulgatore delle tante bellezze di questo incantato borgo madonita.

Ma cosa sono “I Frusciuletti?” Sono dolci tipici del Carnevale di Geraci Siculo che, però, possono essere preparati anche in altri periodi dell’anno, piccole crêpes fatte con uovo e amido, fritte in padella, richiuse e ripiene di ricotta, spolverate di zucchero a velo.  Una delizia che ci riporta indietro nel tempo, ma che, tramandato da generazione in generazione, appartiene al nostro oggi. Siete pronti per segnarvi questa incredibile bontà? Allora, eccovela.

Per la Pasta Sfoglia:

  • 1 kg di Farina
  • 8 Uova ( 7 Tuorli e 1 Intero )
  • 120 g di Strutto
  • 2 cucchiaini di caffè in polvere
  • 250 g. di Zucchero, vino q.b.
  • Olio
  • Cannella

Per il Ripieno:

  • 1 Kg di Ricotta Fresca
  • 600 g di Zucchero
  • Cannella
  • Vaniglia
  • Succo di Limone

Procedimento:
1. Mescolate la farina, lo zucchero e il caffè, poi lo strutto, le uova e impastate con il vino per ottenere un composto omogeneo.

2. Stendete una foglia sottile e mettete, in una metà, un cucchiaio di crema di ricotta a poca distanza l’uno dall’altro. Ricoprite con l’altra metà, ritagliate a mezzaluna e chiudere i bordi.

3. Friggeteli in olio caldo e, a cottura ultimata, cospargeteli di zucchero a velo e cannella.

Crema di ricotta:
Mescolare la ricotta, lo zucchero, la cannella e il succo di limone, fate macerare per almeno 12 ore, passare a setaccio e aggiungete la vaniglia.

E la Sicilia nostra si fa onuri.

Per saperne di più su Geraci Siculo https://www.hyeracijproject.it/

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.