I giovani di Sicilia aspettano il Papa alla ricerca di una primavera di speranze :ilSicilia.it

Il Papa e i giovani

I giovani aspettano il Papa per una primavera di speranze

di
15 Settembre 2018

Eccoli, pronti alla piazza di oggi i giovani di Sicilia. Molti di loro, over 35  in particolare, pensano già di avere “un futuro alle spalle”. La maggior parte tra i 20 e i 30 si dividono in coloro che hanno le idee chiare tra due fasi della vita: completare un percorso di studi e fare le valigie e chi le valigie le porta con sè, prima di subito, per andare fuori a completare gli studi.

In mezzo rischia di rimanere”desertificata” la regione della speranza.

Papa Francesco oggi troverà questi giovani di Sicilia, alle prese con il sorriso dei vent’anni e con l’impegnativo obiettivo di non farlo spegnere troppo presto su un viso sempre abituato a porsi più di mille interrogativi.

Secondo dati Istat, la crescita degli investimenti e il piccolo rialzo dei consumi non riesce a far risvegliare per bene l’economia siciliana, che rimane ancorata alla crisi decennale. Infatti, quei posti di lavoro creati negli ultimi tre anni sono effettivamente precari e offrono un basso salario, causando un dato veramente negativo: ben 200 mila famiglie vivono in povertà assoluta, con un totale di 600 mila persone che contribuiscono all’aumento della disuguaglianza sociale, creando un vero e proprio divario economico tra gli stessi isolani.

I posti di lavoro e il tasso occupazionale sono aumentati rispetto ai due anni precedenti: infatti, gli occupati sono stimati a 1 milione 363 mila, in aumento di 12 mila unità. Una cosa che spicca, in tale contesto, è che si rileva una vera e propria senilizzazione del mercato del lavoro: l’età media dei lavoratori è passata dai 40 anni (nel 2007) ai 44 anni (nel 2016).

In un tempo segnato dall’incertezza, dalla precarietà, dall’insicurezza, Francesco spesso cerca  l’abbraccio con i giovani, con i quali dialoga sa volte anche improvvisando, o riuscendo a farlo apparire tale.

Come l’altro grande comunicatore della chiesa  dell’ultimo secolo, Giovanni Paolo II, anche Bergoglio predilige i giovani, una plaatea a cui non è abituato a fare sconti, rivolgendosi a volte con dura, ma apprezzata concretezza.

Papa Francesco che non ha mai fatto mistero di volere partire da basi semplici nei suoi ragionamenti di maggiore impatto ha più volte toccato bersagli specifici: “Sentite forte dentro di voi la responsabilità di gettare il seme buono del Vangelo nella vita del mondo, attraverso il servizio della carità, l’impegno politico. Mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella Politica con la maiuscola”. (30 aprile 2017, discorso all’Azione Cattolica Italiana).

Oggi i disillusi giovani di Sicilia, incamminati ancora sulla strada della speranza possibile, hanno diritto a una realtà potenziale meno edulcorata possibile, una prospettiva matura, fatta anche di rinunce,  nella certezza però che almeno il loro Papa rimanga nel tempo un solido riferimento.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin