I giovani italiani non hanno futuro, ed è solo colpa vostra! :ilSicilia.it

Avete rubato il futuro ai giovani, e la colpa è solamente vostra.

I giovani italiani non hanno futuro, ed è solo colpa vostra!

di
22 Novembre 2021

Avete tolto ai giovani italiani la speranza di un futuro, e siete così ipocriti da non avere il coraggio di ammettere che è soltanto colpa vostra: la colpa ricade soltanto su di voi, e sulle vostre scelte scellerate, che hanno ucciso il futuro dei giovani, distrutti nei loro sogni e nelle loro speranze dalla pressione fiscale che non siete stati in grado di calmierare, dalla burocrazia, dal vostro stupido e falso moralismo, che ha cercato di dimostrare una superiorità che, a conti fatti, non è mai esistita davvero.

Ho visto miei amici andarsene via, scappare in Germania, altri in Irlanda e in Romania, lontani dai loro affetti, dalle loro fidanzate, dalle madri, dalle nonne, in cerca di quel futuro che gli avete strappato senza nessun pudore: avevano aperto una Partita Iva qui in Italia, alla ricerca della realizzazione delle proprie aspirazioni e dei propri sogni professionali, ma li vedevo arrancare con duecentotrenta Euro al mese su cinquemila Euro all’anno di fatturato azzerato dai Contributi Inps, pari ad oltre Duemila Euro, e dalla tassazione al quindici percento dopo i primi anni al cinque percento. All’inizio era già difficile guadagnare qualcosa, ma dopo è diventato veramente impossibile, soprattutto in tempi di Covid, soprattutto senza nessun aiuto.

Così avete ucciso i nostri sogni, così avete strappato le nostre ali e ce le avete deturpate per sempre: state ore a blaterare dai vostri scranni, e vi lamentate se i giovani vanno a fare impresa altrove, ma nessuno di voi si azzarda a commentare i dati impietosi che fa segnare l’Italia in tema di pressione fiscale. Stiamo parlando del 48,2%, come emerge dalla “Analisi della pressione fiscale in Italia, in Europa e nel mondo. Struttura ed evoluzione dei principali indicatori di politica sociale” curata dal Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti.

Il nostro Paese è – cito testualmente – “il Paese più tartassato dal Fisco in tutta Europa”, e ancora vi permettete di sparare parole random, a raffica. E ve lo dico con tutta la rabbia che ho dentro, con tutto lo sdegno più grande che un giovane possa provare, non soltanto per il futuro che mi e ci avete scippato, ma anche per il dolore che provo nel vedere andare via i giovani, quasi sicuramente per sempre. Dove eravate quando dovevo consolare madri e nonne di questi giovani, quando asciugavo le loro lacrime nel vedere andare via i loro figli, quando, ancora oggi, parlo con queste donne e mi raccontano la loro sofferenza e la loro solitudine? Dove sono le vostre belle parole, i vostri meravigliosi proclami politici fatti di quella demagogia così insensata e così piena di parole vuote?

Ho visto le lacrime dei miei amici quando, sia in tempi di crisi pandemica, ma anche prima, non sapevano come fare a versare migliaia di Euro di contributi, e mi ripetevano “credimi, me ne scappo di qua, me ne vado via!” Finché, un bel giorno, quel coraggio lo hanno trovato, e sono andati via, verso altri lidi, verso altre nazioni, dove le cose funzionano meglio, dove tutto è maggiormente flessibile, dove i giovani vengono valorizzati veramente, e dove, probabilmente, c’è molta meno ipocrisia di quanta non ce ne sia qui, in mezzo a queste frasi vuote utili solo per la ricerca dei consensi elettorali.

Ve la urlo con tutta la voce che ho la mia rabbia, per avermi strappato via i miei amici migliori, per averli fatti andare via. Ma soprattutto, non posso non pensare alle lacrime di quei genitori e di quelle nonne. Ve lo assicuro: quelle non hanno prezzo, e sono le più difficili da mandare giù e da perdonare… Ci avete rubato il futuro, e la colpa è soltanto vostra.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.