I lavoratori Asu vogliono la stabilizzazione: "Noi determinanti per i servizi della Regione" :ilSicilia.it

la nota dei sindacati

I lavoratori Asu vogliono la stabilizzazione: “Noi determinanti per i servizi della Regione”

di
15 Settembre 2020

“Si avvii nelle Commissioni competenti e in Aula un ragionamento compiuto che abbia al centro la fine della lunga agonia dei lavoratori Asu e l’inizio di un percorso che punti alla riduzione del ‘bacino’ (agevolandone la fuoriuscita), attui il definitivo “sganciamento” dalle cooperative (attraverso l’utilizzazione diretta) e, in particolare, indirizzi l’iter verso la loro definitiva stabilizzazione”.  Le Segreterie regionali delle Funzioni Pubbliche di Cgil, Cisl e Uil tornano a sollecitare un incontro urgente all’Assessore alla Famiglia e alle Politiche  Sociali e del Lavoro, Antonio Scavone, e al Presidente della V Commissione Legislativa dell’Ars, Luca Sammartino.

“Sarebbe opportuno e non più procrastinabile dare serenità e solida prospettiva occupazionale a questi lavoratori – chiariscono le tre sigle sindacali nella nota, inviata per conoscenza anche ai gruppi parlamentari – soprattutto in quelle condizioni dove questo è particolarmente urgente, ovvero dove le croniche carenze di organico hanno finito con l’assegnare a questo personale un ruolo determinante nel mantenere in piedi i servizi, a cominciare dai Beni Culturali. Il variegato mondo del precariato siciliano resta un “bacino” che sembra non prosciugarsi mai e di cui sarebbe ora avere una contezza piena, definita ed aggiornata – puntualizzano i Segretari Generali di Fp Cgil, Gaetano Agliozzo, di Cisl Fp, Paolo Montera, e UilTemp, Danilo Borrelli  – a questo mondo appartengono gli ASU. Si tratta di lavoratrici e lavoratori che da 23 anni (sic!)  assicurano l’apertura dei musei e dei parchi archeologici, che prestano servizio nelle Asp e nei Comuni per meno di 600 euro mensili a fronte di 20 ore settimanali. Parliamo di 4.708 lavoratori. Alcuni di loro sono già stati “stabilizzati” nei Comuni e nella ASP dove lavorano, molti altri, per farlo, hanno atteso una norma che prevedesse (com’è avvenuto per i “contrattisti”) la cosiddetta “storicizzazione” delle risorse al 2038 delle risorse. Per questa ragione vogliamo tornare a richiamare l’attenzione delle Istituzioni della Regione affinché si adoperino con sollecitudine in modo da fornire risposte adeguate e concrete alle legittime rivendicazioni di cui ci facciamo, anche oggi, carico con grande senso di responsabilità. La recente pronuncia della Corte Costituzionale, nel settore dei Beni Culturali,  rispetto alla utilizzazione diretta dei lavoratori – concludono Agliozzo, Montera e Borrelli – deve aprire altri spazi nella direzione della stabilizzazione. Nessuno può pensare che possa continuare all’infinito un impiego precario  di questi lavoratori. Occorre dare loro stabilità occupazionale ed un reddito adeguato. Per discutere dettagliatamente delle questioni sollevate, restiamo in attesa della convocazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin