I macallè, un fiore all'occhiello della pasticceria siciliana | La RICETTA :ilSicilia.it

I cartocci di ricotta, una bontà della nostra tradizione

I macallè, un fiore all’occhiello della pasticceria siciliana | La RICETTA

di
11 Gennaio 2020

La pasticceria siciliana è paragonabile a un giardino con una grande varietà di piante e, per restare nel campo della botanica, con molti fiori all’occhiello. I cartocci siciliani, o macallè, sicuramente appartengono a quelle bontà sicule capaci di far sognare al solo vederli, rendendo assolate delle mattine grigie. Queste leccornie zuccherose, che troneggiano nei bar tra i vari pezzi di rosticceria, vengono mangiate a tutte le ore del giorno, a cominciare dalla colazione.

Il macallè, cercheremo di indagare il perché del suo nome, si presenta come una immaginifica spirale dorata arrotolata, ripiena di ricotta, crema gialla e, anche, cioccolato, spolverizzata di zucchero come fosse neve. La sua rotondità, data dalla forma sinuosa e avvolgente, richiama l’accogliente ventre materno che custodisce la bellezza e bontà della vita qui, metaforicamente, rappresentato dal ripieno. Un dolce che è inno alla vita e che è “schietto”, sincero, nel rivelare il suo contenuto, rispetto alla misteriosa iris che lo cela.

Le sue origini risalirebbero al 1600, il nome etiope macallè, invece, a cosa potrebbe legarsi? Partiamo dal fatto che Macallè è la città più popolosa del nord dell’Etiopia,  capoluogo del Tigré, occupata dagli italiani all’inizio della guerra d’Abissinia nell’ottobre 1895. Assediata dagli italiani durante le campagne d’Africa fu riconquistata dall’esercito etiope. Durante la Guerra d’Etiopia, 1935-36, venne conquistata dalle truppe fasciste e rimase italiana fino al 1941. Ma che c’entra, starete pensando, tutto ciò con il dolce? Con un po’ di fantasia si potrebbe immaginare che qualche soldato siciliano, stregato, dalla bellezza di una ragazza del del luogo, ritornato in Trinacria, magari, abbia inventato questo dolce ricordando la città in cui aveva avuto questa apparizione, che gli aveva rubato il cuore. Ma, adesso passiamo alla ricetta.

Ingredienti per 20 macallè:

  • 500 g di farina manitoba di tipo 00
  • 250 g di latte tiepido
  • 10 g di lievito di birra
  • 50 g di strutto o burro
  • 150 g di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • sale q.b.
  • olio di semi di arachidi per friggere
  • cilindri di alluminio
  • carta forno

Per la farcia:

  • 1 kg di ricotta vaccina, di pecora o mista
  • 400 g di zucchero

Procedimento:

1. Setacciate la ricotta, aggiungete lo zucchero e mescolate fino ad ottenere una farcia omogenea. Coprite con pellicola e ponete in frigorifero.

2. Setacciate la farina, aggiungete il lievito di birra, sciogliendolo nel latte tiepido, e versatelo al centro della farina.

3. Aggiungete lo zucchero, lo strutto e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.

4. Sbattete un uovo, versatelo nell’impasto e aggiungete il sale.

5. Impastate fino a quando il composto sarà liscio e omogeneo; formate una palla e fate riposare per un’ora a temperatura ambiente, coprendola con un telo, pellicola o  una ciotola.

6. Nel frattempo con la carta forno fate 20 rettangoli di 15×7 cm, dividete l’impasto in 20 parti, da circa 50 g ognuno, e fate delle palline.

7. Ponetele su un piano, coprite con pellicola, e fate lievitare.

8. Nel frattempo, ungete con poco strutto o burro ogni cilindro di alluminio e, appena le palline saranno lievitate, ponetele una per una sul piano, sgonfiatele e ricavatene un cilindro lungo circa 40 cm. Avvolgetele attornoal  cilindro di alluminio e avvicinate le spire l’una all’altra.

9. Sistemate ogni cartoccio su un rettangolo di carta forno, coprite con pellicola e fate lievitare fino a che raddoppino.

10. In un tegame alto, scaldate l’olio, che deve essere molto caldo, e immergete i cartocci uno alla vota con tutta la carta forno, che si staccherà da sola durante la cottura.

11. Ottenuta la giusta doratura, scolateli su carta assorbente da cucina e, da tiepidi, passateli nello zucchero semolato, rimuovete il cilindro di metallo e tenete da parte. Ripetete l’operazione.

12. Per farcire da entrambi i lati aiutatevi con un sac à poche.

I vostri cartocci, godimento dei sensi, sono pronti da addentare con lussuriosa voracità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.