I misteri di Ustica e i legami con i rosacroce in un libro di Vincenti e Giacino :ilSicilia.it
Palermo

la presentazione sabato a Palermo

I misteri di Ustica e i legami con i rosacroce in un libro di Vincenti e Giacino

di
28 Marzo 2019

Sabato 30 marzo alle 17 verrà presentato, a Villa Niscemi, nella sala degli Specchi,  l’ultimo libro di Lucia Vincenti e Giuseppe Giacino  “L’isola e i Rosacroce. Storia e segreti di Ustica”, per i tipi di Tipheret Editore. Un volume storico che per la prima volta porta alla luce simboli esoterici e storie nascoste riaffiorate dopo due secoli.

Un percorso legato all’analisi decriptata dei molti simboli presenti nell’isola e ad una profonda indagine archivistica, che pone in evidenza la presenza a Ustica di molti importanti e illustri personaggi con grande conoscenza esoterica e alchemica.

Saranno presenti, oltre gli autori, i giornalisti Giovanni Villino, Alberto Samonà e l’editore Mauro Bonanno.

Ustica è l’antica Osteodes, l’isola cui furono abbandonati i legionari punici che si nutrirono delle loro stesse membra riducendola a un ossario, Osteodes? È l’isola dove si ambienta la leggenda della maga Circe? Deriva il nome dal verbo latino urso, brucio?

Il mistero si infittisce nell’analisi criptata dei molti simboli presenti nell’isola che, comparata con le fonti archivistiche, induce a sostenere come molti personaggi che animarono la vita isolana possedessero una vasta conoscenza esoterica e alchemica. Un percorso che, incredibilmente, conduce all’antico ordine dei Rosacroce.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.