I narcos arrivavano a Palermo indisturbati. Scoperto traffico di coca | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Blitz di Guardia di Finanza e polizia

I narcos arrivavano a Palermo indisturbati. Scoperto traffico di coca

di
13 Settembre 2017

I narcos sudamericani della coca viaggiavano indisturbati sembrando normali turisti. E invece erano trafficanti colombiani in trasferta a Palermo. Il traffico sarebbe stato gestito da un trentottenne, Alessandro Bono, di Carini. Sarebbe lui la mente siciliana dell’0rganizzazione.

Bono è al centro dell’inchiesta della procura di Palermo, che stanotte ha visto scattare il blitz fra il capoluogo siciliano, la Calabria e la Campania, con 19 misure cautelari nei confronti di presunti trafficanti.

Gli investigatori ritengono che Bono acquistasse gli stupefacenti dalla Colombia. E la droga sarebbe arrivata in aereo direttamente all’aeroporto Falcone Borsellino, nascosta talmente bene da non essere scoperta. I corrieri sembravano insospettabili viaggiatori, con tanto di trolley e cellulari black berry per non essere intercettati. Ma gli investigatori erano già sulle tracce dell’organizzazione.

L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Maurizio Agnello e al procuratore aggiunto Salvo De Luca, è stata condotta dalla Guardia di finanza e dalla Polizia di Stato.

Gli aindagati nelle operazioni antidroga sono: Alessandro Bono, 38 anni, Edwin Arturo Molano Hurtado colombiano 36 anni, Giuseppe Mannino, 30 anni, Salvatore Faraci, 49 anni, Francesco Tarantino, 32 anni, Rocco Mirabito, 30 anni, Carmelo Cutrì, 29 anni, Giovanni Sergio, 29 anni, Davide Guillermo Naranjo Vasquez colombiano 33 anni, John Jarlin Rosero Murillo, 40 anni, Gloria Sulay Cotazo Zamorano colombiana, 43 anni, Salvatore Spatola, 69 anni, Giuseppe Filippone, 42 anni. Sono stati poortati in carcere. Ai domiciliari Fabio Chianchiano, 52 anni, Bennj Purpura, 23 anni, Antonino Vaccarella, 34 anni, Davide Vincenzo Pizzo, 43 anni. Obbligo di presentazione alla pg per Pietro Balsamo, 36 anni, Ernesto Anastasio, 30 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.