I pescherecci siciliani sequestrati in Libia: "Pazienza finita, Roma intervenga" :ilSicilia.it
Trapani

Lo dice il sindaco di Mazara

I pescherecci siciliani sequestrati in Libia: “Pazienza finita, Roma intervenga”

di
18 Settembre 2020

Sul caso dei 18 pescatori tenuti in ostaggio in Libia dai militari è intervenuto il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci: “Non abbiamo più pazienza – dice Quinci – la marineria ha pagato in questi decenni un grande tributo, quindi chiediamo al governo un ulteriore sforzo per liberare i nostri marittimi da quello che è un vero e proprio sequestro. Questa situazione è complessa e lo abbiamo compreso quando sono passate 48 ore e non è successo nulla”.

Pochi giorni fa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio aveva annunciato un pressing della Farnesina per risolvere la vicenda. E il presidente della Regione Nello Musumeci aveva esortato con una lettera l’intervento del premier Conte sul governo libico.

 

 

LEGGI ANCHE:

Pescatori sequestrati in Libia, i familiari: “Si rischia la vita. Fateli tornare a casa”

Pescherecci sequestrati in Libia, Musumeci a Conte: “Intervenga prima che sia tardi”

Pescherecci siciliani sequestrati in Libia, la Farnesina: “Siamo in pressing per il rilascio”

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.