I pescherecci siciliani sequestrati in Libia: "Pazienza finita, Roma intervenga" :ilSicilia.it
Trapani

Lo dice il sindaco di Mazara

I pescherecci siciliani sequestrati in Libia: “Pazienza finita, Roma intervenga”

di
18 Settembre 2020

Sul caso dei 18 pescatori tenuti in ostaggio in Libia dai militari è intervenuto il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci: “Non abbiamo più pazienza – dice Quinci – la marineria ha pagato in questi decenni un grande tributo, quindi chiediamo al governo un ulteriore sforzo per liberare i nostri marittimi da quello che è un vero e proprio sequestro. Questa situazione è complessa e lo abbiamo compreso quando sono passate 48 ore e non è successo nulla”.

Pochi giorni fa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio aveva annunciato un pressing della Farnesina per risolvere la vicenda. E il presidente della Regione Nello Musumeci aveva esortato con una lettera l’intervento del premier Conte sul governo libico.

 

 

LEGGI ANCHE:

Pescatori sequestrati in Libia, i familiari: “Si rischia la vita. Fateli tornare a casa”

Pescherecci sequestrati in Libia, Musumeci a Conte: “Intervenga prima che sia tardi”

Pescherecci siciliani sequestrati in Libia, la Farnesina: “Siamo in pressing per il rilascio”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin