I precari del Cnr di Palermo in piazza con la Cgil: "Senza ricerca non c'è futuro" [Video] :ilSicilia.it
Palermo

Chiedono più risorse in finanziaria per la stabilizzazione

I precari del Cnr di Palermo in piazza con la Cgil: “Senza ricerca non c’è futuro” [Video]

2 Dicembre 2017

Anche i precari del Consiglio nazionale delle ricerche di Palermo hanno preso parte al corteo della Cgil contro le modifiche che il governo intende apportare al sistema delle pensioni per chiedere la stabilizzazione dei loro contratti di lavoro. Nel capoluogo siciliano sono circa 140 e da circa due settimane, ovvero da quando l’esame della manovra finanziaria in Parlamento è entrato nel vivo, hanno deciso di occupare in assemblea permanente la sede di via Ugo La Malfa.

“E’ uscito fuori dal Senato un piccolo sforzo da parte del governo spiega la ricercatrice Annalisa Pinsino che ha in realtà avallato un emendamento che consta di risorse veramente irrisorie, circa 10 milioni di euro per il 2018 per tutti gli enti di ricerca, considerando che per tutti gli enti ce ne vogliono 300 milioni di euro si può capire come si tratta di briciole”.

“Non solo – aggiunge – il governo prevede il cofinanziamento delle risorse, questo vuol dire che per 10 milioni disponibili 5 milioni devono essere messi dall’ente di riferimento, ma gli enti i soldi non ce li hanno, per cui come fanno ad utilizzare queste risorse?”.

Nonostante i pochi fondi stanziati le speranze sono ancora vive. La legge, infatti, deve ancora passare al vaglio della Camera e ritornare a Palazzo madama per l’approvazione definitiva. A Montecitorio potrebbero essere approvati emendamenti che aumentano la dotazione finanziaria. “Negli ultimi giorni è uscito un appello della Di Giorgi (senatrice del Pd, ndr) – ha concluso Pinsino – che di fatto ha firmato l’emendamento con preghiera da parte degli onorevoli di mettersi una mano sul cuore e provare a rimpinguare la porzione economica”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.