I primi mesi di Musumeci fra discontinuità e i rischi nascosti della solita politica :ilSicilia.it

Verso lo spoil system

I primi mesi di Musumeci fra discontinuità e i rischi nascosti della solita politica

di
16 Gennaio 2018

Al mattino incontra i sindaci, effettua sopralluoghi nelle discariche sature, o  va negli assessorati della Regione, rifugiandosi  in un comodo  maglione come un Marchionne qualsiasi, anche se il grigio è preferito al blu.  Il pomeriggio indossa il completo scuro per ricevere i prefetti dell’isola, quando non si prepara ad altri appuntamenti istituzionali a cui non si è voluto sottrarre in questa prima fase della sua esperienza di governatore della Sicilia.

Il doppio  ‘look’ di Musumeci riflette il messaggio, a lui caro, di uomo di campo, operativo,  ieri ai sindaci ha chiarito “di trincea” , ma anche, ovviamente,  di istituzione. Un doppio passo tra politica (necessaria) e governo (impegnativo) dei problemi di una terra lacerata dalle contraddizioni e lastricata di speranze flebili che tendono al dissolvimento. Giorno dopo giorno.

La sua giornata, riferiscono, inizia presto al mattino, e contiene l’agenda fitta di chi, tendenzialmente non vuole delegare e prova a non tralasciare nulla. Meticolosamente.

Tra qualche giorno, per coincidenza di tempi, subito dopo la presentazione delle liste alle Politiche, scadrà il termine per poter ancora effettuare lo spoil system, il meccanismo attravero il quale il nuovo presidente della Regione può di fatto attivare sostituzioni tra dirigenti e revocare le nomine effettuate nell’ultimo periodo dal suo predecessore.

In quell’occasione gli occhi dei siciliani saranno puntati sulle scelte di Musumeci, su cui si incroceranno, fatalmente le esigenze della politica di centrodestra.

Quale sarà il ‘look’ prevalente nelle scelte? È prevedibile ci sia il necessario equilibrio tra l’impulso che Palazzo d’Orleans proverà a trasmettere e le richieste dei partiti che si preparano a mantenere la posizione nella campagna elettorale che sta per cominciare.

“Giudicateci alla fine del nostro mandato”, sono state le parole rivolte all’Aula dal governatore siciliano in risposta al dibattito che si è sviluppato  all’Ars la scorsa settimana.

Giusto. Solo che i siciliani, quelli che ancora se ne occupano, vorrebbero anche trovare segnali apprezzabili di discontinuità, anche se riconoscono, a quanto pare, al nuovo presidente l’attenuante d’avere trovato una Regione sfasciata e di dover rimettere a posto i pezzi.

Con le prime nomine nelle società partecipate, da Riscossione a Sicilia digitale, comincia  a prendere forma la compagnia che renderà concrete le opere e le azioni del sistema Regione nell’era Musumeci. Serve in questo caso non solo un disegno chiaro che marchi, fino a esasperarle, le linee di una differenza sostanziale con Crocetta.

Troppo poco. Occorre una rigenerazione di facce, di nomi e di metodi, che trasferisca il mandato delle scelte operative che Musumeci dimostra di avere chiaro in testa, sul campo.

Non serve rimuovere il totem stantio dell’antimafia militante ridotta a macchietta caricaturale e sostituirlo con il rigido vessillo del rigore. Serve dinamicità e managerialità. Scelte di coraggio e di innovazione. Apprezzabili e visibili.

I carrozzoni della politica, appesantiti come sono, non potranno mettersi a sfrecciare da un giorno all’altro, ma certamente, se cambieranno passo,  ciò sarà visibile a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco