I Reali d'Olanda in visita a Ballarò per studiare il modello d'integrazione di Moltivolti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'impresa sociale che è un ristorante, un bar e un coworking

I Reali d’Olanda in visita a Ballarò per studiare il modello d’integrazione di Moltivolti

di
20 Giugno 2017

Da quattro giorni a Moltivolti non si fa altro che pulire e sistemare, appendere nuovi quadri alle pareti e comprare nuove piante, tutti gli operatori sono trafelatissimi ed emozionati e corrono su e giù per il locale. I reali d’Olanda hanno scelto tra le varie tappe della loro visita a Palermo, dopo Milano e Roma e avere incontrato il presidente della repubblica Sergio Mattarella e Papa Bergoglio, proprio di conoscere l’impresa sociale di Ballarò. I reali hanno scelto Moltivolti perché è un luogo simbolo di integrazione non convenzionale e hanno chiesto di parlare con dei ragazzi migranti che lavorano nel locale per conoscere le loro storie e anche, soprattutto, per conoscere il “modello Moltivolti“.

L'interno di Moltivolti (foto di Andrea Infurna)
L’interno di Moltivolti (foto di Andrea Infurna)

Questo infatti è uno spazio speciale che si trova in via Puglia vicino Santa Chiara, “Il modello che abbiamo creato di accoglienza nei confronti dei migranti – spiega Claudio Arestivo, uno dei fondatori di Moltivolti – non è basato sull’emergenza ma sulla valorizzazione delle risorse per gestire, il giorno dopo gli sbarchi, la quotidianità. Per noi i migranti non sono un problema ma una risorsa e proviamo a stare insieme giorno dopo giorno per superare pregiudizi e stereotipi. Stiamo studiando questo modello perché ci piacerebbe che si replicasse in altre zone della città e, perché no, anche dell’Italia e dell’Europa.

Il modello di Moltivolti è basato sull’integrazione, è un’impresa sociale che vede all’interno dello stesso spazio un coworking, un ristorante e un bar, dove lavorato autoctoni, stranieri e migranti in un melting pot assolutamente di successo“. È aperto da tre anni ed è un luogo che ha dimostrato la sua necessità di esserci e tra l’altro si trova nel cuore del mercato di Ballarò e dell’Albergheria, il quartiere più multietnico della città che è diventato ultimamente un laboratorio di società moderna dove si fa rete tra le associazioni, i residenti e l’amministrazione riuscendo anche a dare vita a progetti di civismo partecipato come Sos Ballarò.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.