I resti dei defunti nei cassonetti dei rifiuti: sette indagati a Mazara :ilSicilia.it
Trapani

Indagini avviate quasi due anni fa

I resti dei defunti nei cassonetti dei rifiuti: sette indagati a Mazara

di
2 Febbraio 2019

I resti dei feretri provenienti dalle estumulazioni smaltiti nei cassonetti dei rifiuti solidi urbani.

È quanto hanno scoperto i carabinieri di Mazara del Vallo. Pesanti le accuse per 7 impiegati comunali, tra questi un funzionario, ai quali la Procura di Marsala ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari. Ai sette vengono contestati diversi reati: dall’attività di gestione di rifiuti non autorizzata alla falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale. Ancora più grave l’accusa rivolta al funzionario comunale: dovrà difendersi del reato di depistaggio.

Le indagini prendono l’avvio quasi due anni fa: dopo la segnalazione di alcuni cittadini i carabinieri hanno avviato un indagine che si è avvalsa anche dell’uso di intercettazioni e riprese video.

Le prove nel frattempo si sono fatte schiaccianti dopo che i militari hanno sorpreso gli operai comunali smaltire i resti delle estumulazioni nei cassonetti dei rifiuti. Ma non solo. Persino gli operai sono stati scoperti mentre davano fuoco ai resti.

resti dei defunti bruciati e nei rifiuti mazara
Uno dei dipendenti del cimitero di Mazara sorpreso mentre brucia i resti dei feretri

Gli inquirenti hanno appurato che l’operato degli operai poteva contare sulla complicità del funzionario responsabile dei servizi cimiteriali. Lo stesso funzionario, per tentare di dimostrare il regolare smaltimento dei rifiuti avrebbe persino redatto falsi formulari attestanti l’avvenuta consegna ad una ditta specializzata nello smaltimento.

I carabinieri, attraverso precisi accertamenti, hanno scoperto che le sacche consegnate all’impresa di smaltimento erano state riempite con nuove cassette di zinco danneggiate. Lo scopo era quello di simulare la consegna dei resti.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, “cimitero degli orrori” a San Martino delle Scale: blitz con 4 arresti | VIDEO E FOTO

Nuovo cimitero degli orrori: a Bagheria il racket dei loculi, i morti venivano buttati via | VIDEO

Orrore al cimitero di Catania: resti umani abbandonati e tombe distrutte | VIDEO-FOTO

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.