I retroscena del blitz: così è finito in manette Riitano, il broker della 'Ndrangheta :ilSicilia.it
Messina

ECCO TUTTI I DETTAGLI

I retroscena del blitz: così è finito in manette Riitano, il broker della ‘Ndrangheta

di
24 Agosto 2019

“Ok, ok mi arrendo, non fate casino, c’è il bambino”. Così si è arreso il broker della ‘Ndrangheta, Francesco Riitano, alias “Cicciariello Andreacchio”, 37 anni, elemento di spicco della temibile Cosca Gallace di Guardavalle, arrestato mercoledì scorso a Giardini Naxos dai Carabinieri del Ros entrati in azione congiuntamente a quelli dei Comandi Provinciali di  Catanzaro e Messina, ed in particolare con i Carabinieri di Taormina.

Il blitz che ha posto fine alla latitanza di Riitano è iniziato alle 20.25. Da qualche giorno i Carabinieri braccavano il latitante calabrese, dopo averlo localizzato in vacanza a Giardini Naxos. Alloggiava in Via Iannuzzo 41 ed è lì che i Carabinieri, a conclusione delle attività di osservazione e pedinamento, hanno circondato la sera del 21 agosto la palazzina ubicata nella zona di Recanati. I Cc sono entrati in azione con 30 militari. Hanno raggiunto il parcheggio della palazzina e hanno cinturato la zona nel tentativo di precludere le vie di fuga a Riitano, elemento di vertice di una cosca dedita ad importare sul territorio nazionale e al traffico di ingenti quantitativi di cocaina dal Sud-America.

Cinque carabinieri si sono posizionati sul retro dell’immobile, mentre altri 8 hanno raggiunto il portoncino della palazzina. A coadiuvare i Ros, il Comandante dei Cc di Taormina, Arcangelo Maiello, che ha coordinato il blitz sul luogo ed il comandante della Stazione Cc di Giardini, il luogotenente Giovanni Pio Fichera. Al loro arrivo, i Cc hanno trovato il portoncino dell’abitazione chiuso e lo hanno sfondato, cercando però di non provocare rumori in grado di insospettire Riitano. Il latitante era al primo piano in un appartamento di circa 60 mq e convinto che nessuno lo avesse scoperto stava cenando con la famiglia. I Cc hanno bussato ma alla frase “aprite, carabinieri” non ha risposto nessuno.

Francesco Riitano

Dopo qualche istante di silenzio assordante i militari hanno sfondato la porta. In casa c’era la moglie di Riitano e il figlio di 3 anni. La donna aveva chiuso l’uomo fuori in balcone, in modo da dargli modo di avere qualche istante di tempo per provare a scavalcare e tentare la fuga. A quel punto i carabinieri hanno perquisito la casa alla ricerca di Riitano, che però nel salone e nemmeno in cucina e neanche in camera in letto o in bagno. I Cc si sono portati in balcone, dove un maresciallo del Ros di Catanzaro è riuscito ad afferrare per una gamba il latitante mentre si stava calando in strada. L’uomo è stato tirato su’ e ammanettato. Riitano era in pantaloncini e senza scarpe.

Ha deciso di non opporre resistenza e ha esclamato: “Ok, mi arrendo, non fate casino, c’è il bambino”. Alle ore 20.45 i Carabinieri lo hanno portato via mentre in strada si era radunata una folla di curiosi. I Cc adesso verificheranno di chi sia la proprietà dell’immobile. Tutti gli oggetti all’interno sono stati posti sotto sequestro dai Carabinieri di Taormina, ed in particolare il cellulare che potrebbe contenere preziose informazioni sui traffici che venivano gestiti dal latitante.

Così è giunta a compimento la lunga attività avviata dal Comando Provinciale dei Cc di Catanzaro, insieme allo Squadrone Eliportato Cacciatori di Vibo Valentia e agli specialisti del Raggruppamento Operativo Speciale. Una capillare azione di indagine tra Lombardia e Calabria, sino alla Sicilia, sviluppatasi sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, e che insieme ai Cc di Messina e Taormina è arrivata ora a una svolta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.