I riders in piazza a Palermo: "Chiediamo contratti concreti e paghe più alte" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

"Dovremmo avere una fascia prioritaria per il vaccino"

I riders in piazza a Palermo: “Chiediamo contratti concreti e paghe più alte” | VIDEO

di
26 Marzo 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Questo pomeriggio alle 16.00 un nutrito gruppo di riders si sono ritrovati a Piazzale Capitaneria di Porto a Palermo. La CGIL ha, infatti, organizzato uno sciopero nazionale per la categoria. E, in particolar modo, nel capoluogo siciliano si è tenuto anche un flash mob. Ricordiamo che i riders sono coloro che ci consegnano, comodamente per noi, nelle nostre case vivande di vario genere: dalla pizza al gelato, dai dolci al sushi, dal cibo italiano a quello etnico.

I riders oggi sono scesi nelle piazze di tutto lo stivale, dal Piemonte alla Sicilia, per chiedere più diritti, più tutele e garanzie. Più margini di guadagno per un lavoro molto usurante e colmo di pericoli. Non a caso sono stati scritti, dagli stessi riders, dei cartelloni che recitavano frasi come “chiediamo contratti concreti e paghe più alte” oppure “Truffatori. Sfruttatori“. 

Vogliamo semplicemente – ha dichiarato un rider presente alla manifestazione di Palermo – che i nostri diritti di lavoratori vengano tutelati. Ogni giorno ci pagano sempre di meno. Allo stesso tempo per noi aumentano sempre più le spese perché facciamo più tragitto, quindi consumiamo più benzina. Non viene rimborsato nulla, è a carico nostro il mezzo, la sua manutenzione , il carburante per muoverci. E abbassano le tariffe. Bisogna lavorare sempre più ore, per guadagnare di meno“.

Le condizioni di lavoro dei riders sono notoriamente molto difficili. Spesso, infatti, si ritrovano ad operare sotto la pioggia, al gelo o sotto il sole cocente. Sono esposti ai rischi legati alla circolazione urbana, muovendosi spesso con biciclette o motocicli. Per non dimenticarci che durante gli orari notturni, i riders sono anche esposti a furti e/o aggressioni. In era Covid, naturalmente, si aggiunge l’ulteriore rischio di contrarre il virus. Infatti, i riders entrano continuamente in contatto con ristoratori e clienti, per cui le possibilità di contagio per loro sono di certo più alte rispetto a molti altri lavoratori.

Ritengo che noi siamo assolutamente a rischio – ha sottolineato un altro rider presente al Piazzale Capitaneria di Porto – perché giriamo tra i ristoranti, a casa delle persone. Saliamo i pacchi, abbiamo il contante e quindi scambiamo anche i soldi. Credo che dovremmo avere una fascia prioritaria per il vaccino“.

Altro capitolo è quello dell’infortunistica e della malattia che non vengono riconosciute. Se un riders si ammala magari per una semplice febbre, oppure se si dovesse far male durante l’attività lavorativa di consegna a domicilio, non ha diritto ad alcun contributo, perdendo anche le giornate lavorative. Neppure le spese, legate per esempio alla benzina del ciclomotore usato in orario di lavoro, vengono rimborsate.

In sostanza, i riders chiedono semplicemente condizioni di lavoro umane per poter operare in serenità. Di fatto, essi sono schiacciati dal potere economico di soggetti economici internazionali piuttosto forti come Glovo, che approfittano del proprio potere contrattuale e delle difficoltà delle persone nel trovare un lavoro, attivando meccanismi di sfruttamento. Siamo di fronte a forme di schiavitù moderne, nelle quali al lavoratore non vengono riconosciuti diritti e garanzie economico-giuridiche. Allo stesso tempo si pretende lo svolgimento di un lavoro logorante, psicologicamente e fisicamente, e con bassi margini di guadagno.

In un contesto del genere, dovrebbero essere i Governi nazionali a fare la voce grossa. Ma si sa: è più facile mostrare i muscoli con i piccoli che con i grossi operatori economici. E la politica italiana, in questo caso, ha mostrato poca sensibilità o per lo meno poca efficacia d’azione concreta, preferendo spesso chiudere un occhio piuttosto che battersi per la tutela dei diritti dei lavoratori.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin