18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05

A Palermo in via Thaon De Revel

I server della Regione tornano in Sicilia, Armao: “Creare un grande polo strategico”

11 Settembre 2018

I server della Regione siciliana saranno custoditi nel centro tecnico di Sicilia digitale, in via Thaon De Revel a Palermo. Il Data center di Pont-Saint-Martin che ospitava alcuni sistemi informatici di Engineenering, l’ex socio privato di Sicilia e-Servizi, che con la società è in contenzioso da tempo, è stato sgomberato e l’infrastruttura informatica del polo della Val d’Aosta è stata trasferita nella sede palermitana.

Dopo quasi 5 anni di alterne vicende, l’ex socio privato non avrà più rapporti con la società Sicilia digitale e con l’amministrazione regionale. Spenti quelli valdostani, da oggi, quindi, quei server e i servizi informatici regionali non dipenderanno più dall’ex socio privato Engineering, ma saranno nella disponibilità di Sicilia digitale che li gestirà in autonomia.

Soddisfatto l’assessore regionale all’Economia e vicepresidente della Regione siciliana, Gaetano Armao: “In pochi mesi, grazie al lavoro dell’Autorità regionale per l’Innovazione tecnologica, siamo riusciti a concludere un iter lungo e complicato”.

“Abbiamo accelerato le operazioni e siamo riusciti a replicare a Palermo l’intero sistema di Pont Saint Martin. Un’operazione che permetterà alla Regione di risparmiare diverse centinaia di migliaia di euro e di gettare le basi per la creazione di un Data center di livello regionale che sorgerà nell’ex Asi di Brancaccio”.

“Il nostro obiettivo – conclude Armao – è quello di centralizzare tutti i sistemi informatici e creare un grande polo strategico, previsto dal progetto dell’Agenda digitale nazionale, in grado di gestire tutti i Ced, i server degli assessorati regionali e di tutta la pubblica amministrazione siciliana, dai Comuni alle ex province, dagli enti alle aziende sanitarie, utilizzando anche le tecnologie in cloud che velocizzeranno questo processo”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.