I sindaci del centrodestra lanciano la volata per il voto sui Liberi consorzi :ilSicilia.it

Verso il voto delle ex Province

Una coalizione di sindaci del centrodestra lancia la volata per votare sui Liberi consorzi

di
5 Settembre 2018

Torna con la solita aria bonaria, il sorriso semplice e l’infaticabile attività, mai messa da parte, di dare, quando può, il consiglio giusto.

Gino Ioppolo, sindaco di Caltagirone che lasciò l’Ars nella scorsa legislatura dopo aver vinto la scommessa delle urne, è da sempre uno di quelli che parla spesso di politica e di scelte con Nello Musumeci. E uno dei pochi, alla fine, che lo stesso governatore siciliano, ascolta.

Martedì prossimo Ioppolo sarà a Palermo insieme a Maria Rita Schembari di Comiso, Giuseppe Mistretta di Mineo, Lucio Di Ganci di Bompietro, Giuseppe Minutella di San Mauro Castelverde, Nino Musca di Sinagra, Giuseppe Bica di Custonaci, Filippo Drago di Aci Castello.

Una pattuglia dalla fisionomia ancora da far venir fuori in dettaglio, ma che si muove con un obiettivo chiaro, preciso e dichiarato. Il centrodestra soggetto di raccordo e aggregazione in occasione delle elezioni di secondo grado sulle ex Province.

Uscire all’esterno e trattare temi che di solito affondano lunghe radici nelle trattative, che comunque ci saranno, per arrivare ad accordi quanto più definiti, è nella politica di oggi, una utile cerniera tra i partiti che nella coalizione vivono la transizione a trazione leghista e la crisi di consenso degli altri partiti. FI in testa.

Il vero problema delle elezioni di secondo grado nasce dalla poca confidenza con “il voto ponderato” che rischia di fare rimanere a bocca asciutta i piccoli Comuni in questa tornata amministrativa.

Per il sindaco di Aci Castello Filippo Drago la legge che dovrebbe portare alla ricostituzione degli organi di governo degli enti di area vasta presenta più di un aspetto da chiarire:

Filippo Drago, sindaco di Aci Castello
Filippo Drago, sindaco di Aci Castello

“Se un Comune è commissariato – si chiede il sindaco del Catanese – quanto vale il peso del commissario rispetto alla rappresentanza del Consiglio comunale? E ancora se un Comune, come nel caso di Aci Castello oggi conta su una rappresentanza di venti consiglieri comunali, ma da qui a otto mesi passerà a sedici, come andrà a votare, che rappresentanza ha?”

Quesiti e dubbi che preludono anche a una sproporzione ritenuta eccessiva da Drago tra la rappresentanza dei grossi centri e i piccoli Comuni costretti a estenuanti e spesso improbabili alleanze per non rimanere fuori dai giochi: “Un consigliere comunale di Catania vale in proporzione più di un sindaco e di un’intera amministrazione comunale di un piccolo paese.  I Comuni più piccoli non conteranno nulla in questo tipo di consultazione”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.