I sostenitori di Trump boicottano "Rogue One: A Star Wars Story" | Connessioni :ilSicilia.it

#DumpStarWars l'hastag che accompagna questa "battaglia"

I sostenitori di Trump boicottano “Rogue One: A Star Wars Story”

di
19 Dicembre 2016

Non è certo una notizia che viene da una galassia lontana lontana, ma purtroppo da un mondo molto molto vicino. I sostenitori di Donald Trump stanno infatti sollecitando un boicottaggio dell’ultimo film della serie Star Wars, intitolato Rogue One: A Star Wars Story.

La campagna è iniziata con una serie di tweet da parte dell’attivista Jack Posobiec, che sosteneva che gli sceneggiatori avessero cambiato il film allo scopo di aggiungere scene che collegano il presidente Trump al razzismo. Lo sceneggiatore Chris Weitz ha detto che questo è, come presumibile, “completamente falso”, a prescindere dal fatto che lui e un altro scrittore abbiano twittato la loro opposizione verso il neopresidente. #DumpStarWars, l’hastag che accompagna questa “battaglia”, è stato retwittato 120.000 volte nelle ultime 24 ore.

In un video su Periscope, l’autore della campagna sostiene che gli scrittori abbiano affermato che l’Impero, nel film, “è un’organizzazione suprematista della razza bianca, come l’amministrazione Trump, e i ribelli stanno per sconfiggerli. Stanno provando ad utilizzare questo film per spingere le dicerie, che Trump sia un razzista.” La base delle rivendicazioni sembra essere una serie di tweet inviati da Weitz e dal collega sceneggiatore Gary Whitta.

Dopo la vittoria elettorale di Trump nel mese di novembre, Weitz ha scritto quanto segue: “Si prega di notare che l’Impero è un organizzazione suprematista (umana) bianca” a cui Whitta ha risposto: “Contrapposta ad un gruppo multi-culturale guidato da donne coraggiose.” Entrambi i tweet sono stati cancellati nella stessa giornata e Weitz ha poi chiesto scusa per aver politicizzato il film.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin