I tempi del calcio giocato sono lontani, il Palermo sospende gli allenamenti per sette giorni :ilSicilia.it
Palermo

LA DECISIONE DELLA SOCIETà ROSANERO

I tempi del calcio giocato sono lontani, il Palermo sospende gli allenamenti per sette giorni

di
12 Marzo 2020

Sembra passata quasi un’eternità da quando il Palermo ha battuto in casa il Nola, ma sono trascorsi in realtà soltanto dieci giorni.

L’emergenza coronavirus ci ha portato via tante cose e fra queste rientra certamente il calcio. Non sappiamo ancora quando la situazione tornerà alla normalità, ma nel mentre bisogna far fronte alle circostanze in essere.

Per questi motivi, la società di viale del Fante ha deciso di sospendere gli allenamenti dei propri giocatori per una settimana.

In considerazione dell’emergenza COVID-19 e delle progressive misure di prevenzione disposte dalle autorità di Governo, il Palermo comunica l’immediata sospensione degli allenamenti per 7 giorni, salvo successive indicazioni“.

Come da disposizioni del DPCM, ai tesserati non sarà concesso spostarsi verso le proprie residenze. “Ai calciatori è stato raccomandato di restare presso il proprio domicilio in stretto contatto con lo staff sanitario, evitando rientri presso le residenze e contatti sociali non strettamente necessari“.

Contestualmente alla sospensione degli allenamenti, anche la sede di viale del Fante resterà chiusa per 7 giorni, salvo successive indicazioni.

Nel frattempo non ci sono aggiornamenti sul fronte del campionato di Serie D. Le attività rimangono sospese fino al 3 aprile, in attesa di capire se l’emergenza andrà a scemare oppure no. Per quella data, infatti, bisognerà deciderà se andare avanti con le competizioni, identificando anche le date dei recuperi, o se far cessare definitivamente il campionato. Nella seconda ipotesi bisognerà capire se verranno validati i risultati del campo posti in essere o se verrà congelato tutto.

PRIMA POSITIVITÀ IN SERIE A

L’annuncio arriva all’alba della positività di Daniele Rugani, difensore centrale della Juventus. La società bianconera si è già attivata per stilare un censimento delle persone venute a contatto con il giocatore per attivare le procedure di isolamento volontario. In questa lista rientreranno tutti i tesserati della Juventus, ma anche quelli dell’Inter che hanno giocato contro la capolista di Serie A domenica scorsa. Salta quindi la sfida di Champions contro il Lione, in attesa che la situazione si normalizzi.

Sempre nel mondo dello sport, è affiorata la positività di due giocatori della Pesaro basket. A comunicarlo è stata la stessa società, che ha già avviato i provvedimenti necessari come da protocollo sanitario.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.