I tifosi invocano la riapertura degli stadi, ma il coronavirus frena il CTS :ilSicilia.it

ECCO LE PROPOSTE IN CAMPO

I tifosi invocano la riapertura degli stadi, ma il coronavirus frena il CTS

di
4 Agosto 2020

Riaprire gli stadi.

Un argomento caldo che, prima o poi, dovrà essere affrontato dal Governo. Se per questa stagione era chiaro che i tifosi non avrebbero rivisto i gradoni del proprio impianto di riferimento a causa dell’emergenza coronavirus, la speranza per la prossima stagione è che le cose cambino.

Un auspicio condiviso non solo dai supporter ma anche e soprattutto dalle società sportive, che dovrebbero partire a breve con le loro campagne abbonamenti.

Ad oggi il principale problema riguarda soprattutto le curve, settori in cui generalmente la parola “distanziamento sociale” viene associata ad un errore “404 – file not found“.

Nessuna possibilità invece per la questione che riguarda le “trasferte“. Almeno per il momento, saranno sicuramente chiuse.

LA PROPOSTA DELLA LEGA SERIE A

La Serie A ha già mosso i primi passi per una possibile riapertura. In un’analisi effettuata intorno alla metà di luglio, è stata fatta una “scansione” degli impianti sportivi italiani, con l’individuazione di entrate ed uscite congrue e di spazi coerenti con quelle che sono le linee guida del CTS.

Da un lato l’obbligo di garantire il rispetto dei DPCM del Governo Conte, dall’altro la necessità di non rendere eccessivamente “oneroso” l’accesso allo stadio. Al momento, la proposta più accreditata prevede un’apertura parziale dei posti a sedere fra il 25% e il 40%.

Il primo banco di prova sarà dato dagli Internazionali di tennis, che si svolgeranno a Roma a settembre.  In tutto questo, i tempi della decisione da parte degli esperti non potranno essere eccessivamente lunghi, visto che i campionati 2020-21 sono già sulla rampa di lancio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.