I veleni dei 5Stelle. Dai social alla realtà, alle comunarie è campagna old-style | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Oggi è prevista la votazione per esprimere il candidato sindaco, si chiude alle 19

I veleni dei 5Stelle. Dai social alla realtà, alle comunarie è campagna old-style

di
18 Gennaio 2017

Nei post on line si ammicca, i forum sono pieni di illazioni. Gli spifferi sono tanti, si parla addirittura di dossier. La faida nei 5stelle sta toccando livelli inaspettati. E per certi aspetti inquietanti. Quel monolite che sembrava indistruttibile nel nome dell’anti-casta non c’è più. Frantumato sotto i colpi di uno scontro tra fazioni che non fanno prigionieri. Lo scandalo delle firme false su cui indaga la Procura di Palermo e che coinvolge i tre deputati nazionali Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino ha rotto il giocattolo perfetto.

Sono lontani i tempi delle feste, delle bicchierate e delle pacche sulle spalle per l’ascesa all’Assemblea siciliana e le abbuffate al ristorante con Beppe Grillo. C’eravamo tanto amati, ora l’avversione e l’odio alimentano le bande, a questo si sono ridotti i gruppi che se le stanno dando di santa ragione: ‘monaci’, ‘regionali’ e ‘outsider’. L’un contro l’altro armati. Il meetup “il Grillo di Palermo” si è spaccato, è nato “Palermo in movimento” cui hanno aderito i “regionali” che stanno cercando di tenere la barra delle ‘comunarie’. Su Facebook la scissione viaggia su due profili. Navigando nell’intricato groviglio social dei grillini si può trovare di tutto. Ma è fuori dalla rete virtuale che la faida sta assumendo contorni ancora più equivoci.

Questione di ore ormai, poi il verdetto del web dirà chi tral’avvocato Ugo Forello e il poliziotto Igor Gelarda sarà il candidato sindaco. Ricevuta la mail dallo staff milanese, gli iscritti al blog di Grillo in un lasso di tempo stabilito dai guru di Rousseau potranno esprimere la preferenza per uno dei due. La selezione sul web è partita alle 10 di oggi e si chiuderà alle 19.

Al primo turno delle ‘comunarie’ votarono in 524 su una platea di elettori di circa 2mila persone, è venuta fuori la lista dei potenziali consiglieri comunali, che giorno dopo giorno si è svuotata per i forfait di alcuni candidati: ne sono rimasti 27. Ma non sarà l’ultimo atto. Anzi.  La guerra è appena all’inizio.  All’apertura delle urne mancano 4 mesi. Un tempo infinito. Si vocifera di dossier con informazioni su alcuni dei protagonisti della faida, di audio-video compromettenti, di archivi con immagini che rivelerebbero verità scomode.  Si parla di campagna elettorale old style: promesse, impegni, garanzie, ammiccamenti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin